Cook the book

Giocare sul filo dell’intuizione che dondola tra il sacro e il blasfemo è la catarsi psicoterapeutica degli affanni comunicativi. In parole povere (quelle bertoldine per intendersi) si rimane tra la cagata metafisica e lo sfioro del cielo con un dito. Marco in questo è geniale. Ma non gli va detto. Decelebrare gli ultimi miti è la panna montata sopra gli eccessi a fine serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *