Come ti cucino l’Alibengodi alla griglia ma senza fumo

Intercettazione sulla linea fonometrica della stanza del trono.

–    Buongiorno, sono il signor Re … nel senso non di cognome … sì ecco sono io … buongiorno sì grazie saluti anche alla sua signora,  non sono stato più aggiornato sulla vicenda … tutti i giornali ne parlano … le avevo gentilmente ordinato di tenermi informato!
–    Sì buongiorno, saluti anche alla mia signora e a tutte le sue, la vicenda signor re è un po’ complessa. Ma l’abbiamo gestita come da suo fonogramma precedente…
–    Alibengodi?
–    Alibengodi, come ci ha detto lei. Quella metafora della ricetta si ricorda, seguita alla lettera! Abbiamo diviso l’albume dall’orlo …
–    Dal “tuorlo” imbecille …
–    Dal tuo orlo … la parte buona da quella cattiva, la mollica dalla crosta, il ripieno dalla faraona, il frutto dalla buccia …
–    Ho capito la metafora continui …
–    La pasta dal sugo, l’abitabile dal calpestabile, la fragola dal cioccolato, la cacca dal purè …
–    Continui!
–    Continuo …
–    Si fermi e poi continui! Imbecille!
–    Certo! Mi scusi … dicevo … la parte buona l’abbiamo chiamata gùd compani …
–    In latino … arguti …. Mi piace …
–    E quella cattiva bad compani. Quindi, dottor re, la gùd compani ha le cose che funzionano: una dozzina di scarpe da ostiess ancora buone, una trentina di giacche da pilota appena appena lise sul colletto, un diccì 9 dell’82 ancora in rodaggio, un bancale di salviettine al limone come quelle per il pesce … tutto il meglio! … e c’è anche un paio di giubbotti già gonfiati e il famoso assegno postadato di Air Provence.
–    Benissimo  … mi raccomando l’ assegno postadato di Air Provence …
–    E quella l’abbiamo venduti ai suoi amici … a poco come ha detto lei … venduta, per dire … si sono presi l’assegno ma le salviettine ce le hanno lasciate … meglio del previsto …
–    Ve l’avevo detto che si sarebbero fidati del ricatto del re! Eh! Hanno cedut … accettato tutti …
–    Tutti li abbiamo accettati, la Cianfregaglia ….
–    Benissimo! La Cianfregaglia non so perché ma mi fa’ molto mercatini natalizi di bolzano …
–    Il Gruppo Savio, Caltagirone …
–    Quello è ottimo, è l’attore preferito della regina ….
–    Anche Stronchett…
–    Non lo dica imbecille! E si tocchi!
–    Mi scusi sire … ah! Cavalier re, pensi ci abbiamo addirittura infilato il papà … il papà di … il papà di Robin Hood!
–    Ah ah! Bravi! E lui che fa’? ah ah! E lui cosa dice?
–    Sta nell’ombra, sire.
–    … sempre arguto il nostro ombroso controministro in calzamaglia … bravi, bel lavoro! E l’altra … il resto della torta? … la feccia?
–    La bad compani l’abbiamo regalata allo stato. Dentro c’è poca roba … tutte cianfrusaglie: 2000 coprisedili di italia90, una tanica di benzina super rossa e due di miscela, un avioplano a elica, quattro wc con 7 topi ciascuno, il vino in busta, i 50.000 dipendenti impagabili e in-pagabili e tutti quei bei foglietti con scritto in grosso “pagherò”! un tripudio, sire ….
–    Imbecilli! Allo stato! Siete imbecilli! Cosa faccio pago io?!
–    No, no, sire. Si calmi, sire … ha frainteso, non lei … non paga mica lei … lo stato!
–    Non lo abbiamo privatizzato?!
–    Non ancora sire … l’anno che viene sire …
–    Fiu! … ben fatto allora! Bel lavoro …. Ma il paggio Tramonti non se l’è presa?
–    Tramonti dice che la mette a bilancio nei fallimenti abusivi e prima dell’anno che viene lo condona.
–    Arguto!
–    Certo sire ….
–    Ma adesso cosa stanno facendo? Sento tutto un mormorio!
–    Sì sire … aspetti che mi sposto … parlo a bassa voce … stanno trattando ….
–    Ma non perdiamoci sulle quisquilie! Lasciategli pure le salviette! E quasi ora di cena! E poi … poi c’è la partita … e … e devo fare il grattino … al tallone alla regina!
–    No sire … parlo basso perché mi sentono … ci sono i sindacati …
–    I sindacati! I sindacatiiii!!! Ma li avevo aboliti!
–    L’anno prossimo sire … prima privatizziamo lo stato e poi si possono abolire … si ricorda lo schemino di Tramonti sulla lavagnetta?
–    Ma non è possibile! A quest’ora della notte! Ancora! E poi è logico che i vicini si incazzano …
–    Anzi sire, se volesse dall’alto della sua folta capigliatura intervenire con il suo buon senso che una parola buona che rassereni e ponga fine a questa situazione di tensione … tutta Bengodi sarebbe fiera di una frase risolutiva delle sue …
–    Spegnete la luce quando avete finito, imbecilli!
–    Certo sire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *