“Il mio cuore è partigiano”

Giulio Cavalli: “Con gli spettacoli anche scrittori e magistrati”
“L’opinione è un privilegio a costi altissimi”. Lo sa bene Giulio Cavalli, direttore artistico del Teatro Nebiolo di Tavazzano, coraggiosa sala nel Lodigiano. “Il nostro è un teatro partigiano, capace di prendere posizione” dice l’attore. “Non ci interessano spettacoli su qualcosa, ma contro o per qualcosa”. E se il “qualcosa” si chiama mafia, il progetto diventa rischioso. La stagione “A ciascuno il suo” lo dimostra. Otto spettacoli di prosa, musica e incontri con magistrati, giornalisti e scrittori che denunciano fatti e misfatti del nostro Paese.
Ad aprire l’agorà (il 14 novembre), Gioacchino Genchi, seguito da Ruben Oliva, Carlo Lucarelli, don Luigi Ciotti, Marco Travaglio, Antonella Mascali, Peter Gomez e i due magistrati “al confino”, Giancarlo Caselli e Raffaele Cantone. Se con il Centro di documentazione per il Teatro Civile (unico in Italia), inchieste e atti giudiziari diventeranno copioni per il festival di fine stagione, la sezione prosa inizia il 3 ottobre.
Tema, la strada e gli invisibili. A inaugurarla i Dionisi, con “Patate. Una parola senza denti sulla guerra”. Subito dopo si riflette sull’emigrazione con “Scirocco” di Scarlattine Teatro, e si parla di vicoli con “Montediddio”, quartiere di Napoli descritto da Erri De Luca, in scena il 28 novembre.
Due gli attesi (e temuti) spettacoli di Cavalli: il 23 gennaio “A cento passi dal Duomo”, monologo scritto a quattro mani con Gianni Barbacetto che rivela nomi e cognomi della mafia del nord; in primavera “L’apocalisse rimandata, ovvero benvenuta apocalisse” di Dario Fo e Franca Rame, su Milano in emergenza petrolio, rivela gli interessi politici sul tema ambiente. La strada torna protagonista con la Bar Boon Band dei senzatetto della Centrale a dominare il palco il 7 novembre con “Randagi di cristallo”, mentre Nanni Svampa arriva il 20 dicembre. “La mafia non esiste” dei Mondorchestra non poteva mancare; il concerto aprirà la stagione musicale 2010, la chiuderà “Musica senza frontiere” della Contrabbanda.
E a chi pensa a Cavalli, “giullare sotto scorta”, come a un Saviano 2, l’attore risponde con don Ciotti. “Finché sfideremo le criminalità organizzate (anche) con l’arma bianca della cultura che a loro appartiene e scalfiremo la loro credibilità”.

Livia Grossi
(Corriere della sera, sabato 26 settembre 2009) L’ARTICOLO QUI