La voce libera di Giulio Cavalli. Oggi incontro con Luca Telese

La voce libera di Giulio Cavalli. Oggi incontro con Luca Telese Il Caffè Letterario Nuovevoci ha dedicato il primo degli incontri letterari in programma a Giulio Cavalli, giovane scrittore ed attore milanese che per aver ironizzato liberamente su personaggi della criminalità organizzata, vive oggi sotto scorta.
Un ragazzo senza peli sulla lingua Giulio, uno che non teme di sporcarsi la bocca con parole forti e che prima di tutto elogia le forme di comunicazione basate sul contatto. Una comunicazione “stile Caffè letterario” per dirla tutta.
Antonio Manzo e Francesco Bove lo presentano al pubblico ma l’ospite sembra non aver bisogno di accompagnamento.
Racconta come e quando i suoi spettacoli hanno iniziato ad essere “scottanti”e di come sia stato terribilmente facile guadagnarsi le ostilità dei più.
Dichiarandosi poco amante delle classificazioni, ha confessato di come faccia spavento uno Stato in cui si inneggi tanto facilmente all’eroismo.
“La mafia si sconfigge con molto uomini ordinari, non con quelli straordinari”ammonisce. Racconta dei suoi spettacoli, dei suoi viaggi in Sicilia, delle piazze, del pubblico, dell’opinione pubblica così restia a ribellarsi. In parole povere il modus vivendi che appare come normale non lo è affatto, essendo necessario ad oggi il coraggio della denuncia libera e spregiudicata.
La verità è sotto gli occhi di tutti ma pochi ne parlano, pochi lo gridano.
Ancora riflette su quanto sia aberrante la mancanza di solidarietà, la non condivisione delle problematiche sociali all’interno del Paese. Nel Settentrione i più ritengono che Cavalli si sia quasi meritato la scorta e soprattutto che la criminalità organizzata sia una realtà tutta meridionale, nostrana per così dire. E invece la commistione tra politica e mafia è questione nazionale, ferita aperta sanguinante di cui si preferisce non prendere coscienza.
Il pubblico interviene, una magistrato in sala racconta della penosa situazione delle Procure specie in Sicilia e di come sia impensabile immaginare una lotta alla criminalità con uffici quasi vuoti.
Cavalli dunque ha raccontato dell’acqua calda ma lo racconta e questo, a quanto pare, da un certo fastidio in giro. Quello che resta è la forza del sapere, della conoscenza che rende gli uomini liberi, diversi da quelli che scelgono una vita incivile e senza coscienza.
Questa sera invece il Caffè ospiterà Telese, giornalista ideatore di Tetris, programma su la 7 ed autore di “Qualcuno era comunista”. L’appuntamento è alle 19.30 in via Gambardella presso la scuola media Alfieri.
M.B.

DA LO STRILLONE.TV

http://www.lostrillone.tv/legginotizia.asp?idnotizia=2053&idcatnotizia=8&titolo=La%20voce%20libera%20di%20Giulio%20Cavalli.%20Oggi%20incontro%20con%20Luca%20Telese