Messina, il fango e l’obbligo di non dimenticare Arte, teatro e poesia si incontrano al “Nebiolo”

Una cordata di artisti perché dal fango di Messina possa nascere un museo come centro propulsivo del tessuto economico e culturale di tutta la riviera jonica. Primo atto, venerdì sera al teatro Nebiolo di Tavazzano, per il “Museo del Fango”, un segno di speranza per ricominciare, tra le case inagibili e le strade che portano ancora i segni del disastro del primo ottobre scorso. Nella frana che travolse i centri abitati di Scaletta Zanclea e di diverse località del comune di Messina, tra Giampilieri Superiore e Marina, Altolia, Molino, Santo Stefano di Briga, Briga Superiore e Pezzolo, persero la vita 31 persone. A tre mesi dalla sciagura, il silenzio, mentre gli abitanti iniziano a tornare nelle loro abitazioni nonostante gli scarsi interventi per la messa in sicurezza dell’area.A testimoniare la protesta del mondo dell’arte per il «silenzio immediato» su quella tragedia, il pittore Michele Cannaò, il poeta Guido Oldani (entrambi nel direttivo del Museo della Permanente di Milano), la giornalista Angela Manganaro e l’attore Giulio Cavalli. Assente invece Marco Dentici, noto scenografo del cinema e della tv, impegnato nella preparazione di un lungometraggio sulla tragedia di Messina dal titolo I° Ottobre – una giornata caldissima, di cui sono stati proiettati in apertura i bozzetti video. «Ci siamo ritrovati per la prima volta il 5 ottobre, a pochi giorni dalla tragedia – ha raccontato Cannaò – non solo per riflettere su quanto accaduto, ma anche per capire come poter intervenire nell’immediato. Abbiamo capito da subito che le raccolte di fondi non sarebbero bastate. Serviva un’iniziativa che diventasse un vero e proprio punto di partenza per la rinascita». Da qui l’idea di raccogliere opere di pittori, fotografi, musicisti e scrittori in un unico centro culturale che inizierà le esposizioni il prossimo 30 gennaio. Una mostra a cui hanno aderito circa 70 artisti (tra loro, anche il premio Nobel Dario Fo), organizzata nel Palazzo dei Duchi di Santo Stefano a Taormina fino al 13 febbraio. Una sede provvisoria, in attesa della ristrutturazione di un monastero del Seicento a Giampielieri. Un’iniziativa circolare, «che parte da un piccolo paese come Tavazzano per arrivare in un altro piccolo paese come Giampilieri – ha detto la giornalista Angela Manganaro, che ha anche spiegato come il silenzio sia quantomeno sospetto in un’area interessata dal progetto del ponte sullo Stretto di Messina – : è un’area non coltivata da anni, una terra che, abbandonata a se stessa, non regge. Come molte altre terre della Sicilia. Su cosa lo costruiamo questo ponte? Su una terra che non regge?». Di grande pathos, l’excursus linguistico di Oldani sul tema del fango, poiché «in un mondo che soffre di una scellerata tradizione di gioire delle disgrazie e in cui tutti fanno beneficienza, ma solo dall’altra parte del globo, fare un “fango museale” è trovare un elemento primigenio della nostra filosofia». Oldani, prima di leggere due poesie composte per l’occasione, ha poi aggiunto, non senza ironia, qualche parola sull’incontro con il direttore del Nebiolo Cavalli: «Sapevamo che a Giulio era capitata qualche disavventura e noi siamo arrivati come cavalieri senza macchia e senza paura». Ros. Mun.

DA IL CITTADINO L’ARTICOLO QUI