Quelle cosche invisibili all’ombra del Duomo

A Tavazzano lo spettacolo-denuncia di Giulio Cavalli contro la ’ndrangheta. Se a Lonate Pozzolo la statua di Sant’Ambrogio può essere sostituita con quella di San Cataldo, se i Morabito possono permettersi di entrare con un «ferrarino» nell’«Orcomercato» di Milano, la Livigno dell’ndrangheta del Nord, se i «molto poco onomatopeici fratelli Porcino» possono vantare il controllo assoluto di un intero quartiere tra via Sarca e via Fulvio Testi, allora quei cento passi che separavano i boss da Palazzo Marino non ci sono più: «Non serve andare lontano, Gomorra è già qui». Applausi e indignazione per la prova dell’attore e autore lodigiano Giulio Cavalli, in scena sabato sera al Nebiolo con il suo «A cento passi dal Duomo», scritto a quattro mani con il giornalista Gianni Barbacetto, anche direttore di Omicron, osservatorio milanese della criminalità organizzata al Nord. Accanto a lui, a scrivere tempi e note di questa «favola scomoda» che è la mafia al Nord, il pianoforte di Gaetano Liguori. Ad aprire la piéce, la denuncia di Vincenzo Macrì, sostituto procuratore della direzione nazionale antimafia: «Milano è la vera capitale dell’ndrangheta, lo dico da anni e ora che c’è l’Expo non so più come dirlo», proiettata sul sipario chiuso, nel buio della sala. Inascoltata dalle istituzioni, ignorata dai cittadini: è Giulio Cavalli a dar voce a quella denuncia scavando negli atti dei maxiprocessi per mafia celebrati in Lombardia, annusando indagini e protagonisti, ricostruendo i legami «osceni» tra mafia e colletti bianchi, una zona grigia che coinvolge pezzi della criminalità organizzata e pezzi delle istituzioni.Una storia antica che Cavalli, coltivando un’urgenza di verità, porta in scena con ironia, poesia e pietas per l’uomo, solo una pedina nel grande monopoli a cui l’ndrangheta gioca da tempo nel cuore di Milano. Imprese edili che sfornano case e soldi puliti, rette da esponenti di spicco della seconda generazione, che però non possono cancellare l’odore di «ricotta e merda» dalle mani.Sono i figli trentenni dei boss nel confino dorato del Nord, quelli che girano in Suv, che forse hanno imparato ad azzeccare qualche congiuntivo, che non si abbuffano agli aperitivi, ma che non hanno perso l’abitudine di collezionare bazooka; è questo l’identikit dei mafiosi che ci circondano. «Una storia che non vuole sentire nessuno», fatta di nomi, cognomi e infami, fatta di indagini da cui emergono politici e insospettabili. Una storia che Cavalli sceglie di concludere assumendosi in pieno l’impegno della denuncia: con una sfilata di volti, sulla note di una celebre canzone popolare calabrese.

Rossella Mungiello

DA IL CITTADINO L’ARTICOLO QUI