Di Pietro, Don Ciotti e Antonio Ingroia sulle minacce a Cavalli

da agoravox.it

Gli oppositori di Cavalli cadono sempre più in basso. Rinvenuti 23 proiettili davanti al teatro in cui sarebbe dovuto esibire l’attore e candidato in Lombardia come indipendente nell’Italia dei Valori.

Milano. Parcheggio del Teatro Oscar. Pomeriggio. Il direttore di sala del teatro si accorge della sinistra presenza di 3 proiettili nello spazio riservato al posteggio delle auto antistante l’edificio. Dato l’allarme alle forze dell’ordine, giunge la Digos che ne rinviene altri 20. Pochi euro di munizioni stanno a certificare quanto sia grande la viltà di chi non vuole che un ragazzo innamorato della libertà e della giustizia contribuisca a rendere un po’ più fresco e pulito l’alito della nostra politica.
Giulio Cavalli sarebbe dovuto andare in scena la sera con la replica del suo spettacolo “L’Apocalisse rimandata, ovvero benvenuta catastrofe”, tratto dall’opera del premio Nobel italiano Dario Fo. Con il pubblico già accomodato in sala, l’artista lodigiano sale sul palco non per intrattenere i suoi spettatori con il suo riconosciuto talento ma per comunicare loro quanto accaduto e la conseguente decisione di annullare la rappresentazione.
“Sicuramente a queste condizioni non ho più la tranquillità di poter fare il mio lavoro. Considero troppo importante il contatto con il pubblico e non ho nessuna intenzione di perderlo. Non riesco a concepire che la mia vita e soprattutto il mio lavoro debbano essere così duramente stravolti da questi eventi.”
“Avrei voluto vederli questi omuncoli mentre gettavano a terra la loro viltà scambiandola per coraggio. Avrei voluto vedere il loro sguardo vuoto mentre pensavano di compiere un gesto importante.”
“Vorrei solo che non si parlasse più di coincidenze e che tutti cominciassero a capire che questi segnali sono pericolosi e lo sono perché coloro che li causano si sentono talmente impuniti da non preoccuparsi minimamente delle conseguenze delle loro azioni. A questo punto continuerò a pretendere da me stesso e dagli altri che il diritto (dovere) di lavorare mi sia garantito.”
Le amare parole di Giulio Cavalli testimoniano la difficoltà a cui va incontro qualunque cittadino che si oppone al malaffare e alle organizzazioni criminali e la stanchezza di chi vive una vita blindata a cui viene impedito persino di svolgere il proprio lavoro.
Amare sono state anche le parole dell’on. Di Pietro, fresco di rinomina alla testa dell’Idv, che commenta: “Giulio Cavalli è un ragazzo stupendo, che dice quel che pensa e grida in difesa della Costituzione, contro persone che gli vogliono male soltanto per il suo impegno civile. E’ per questo che noi dell’Italia dei Valori vogliamo dargli la nostra massima solidarietà ma anche la massima copertura perché gli stiamo tutti intorno e vicini”. E ancora: “Non ne parla assolutamente nessuno ma noi dobbiamo farci sentire. Anche perché intorno all’Idv ne sta succedendo una ogni giorno che passa. Ieri i bossoli a Cavalli, l’altro ieri hanno bruciato la macchina a un giornalista vicino a Idv, che so doveva candidarsi a Reggio Calabria. Sono persone libere, soggetti scomodi che non si vuole fare entrare nelle istituzioni, proprio per questo noi ce li dobbiamo mandare”.
A proposito di candidature pulite l’ex pm dichiara inoltre: “Sicuramente si candiderà con noi Lorenzo Diana, si è già candidata con noi Sonia Alfano che correrà in Toscana e appunto il giornalista a cui è stata incendiata l’auto. Io stesso ricevo minacce ogni giorno. Sembra veramente un paese in mano a forze per così dire occulte che impediscono a chi non si allinea di esprimersi liberamente”.
Anche don Luigi Ciotti esprime la propria solidarietà al regista minacciato: “Lui è un amico, un bravissimo attore che ha avuto l’intelligenza e il coraggio di utilizzare il teatro per denunciare la violenza ma anche per proporre la speranza del cambiamento e del contrasto alla criminalità, alle mafie, all’ingiustizia e alla sopraffazione. Ha chiamato per nome le cose, ha dato un volto, un nome a tutto questo e la sua denuncia così attenta, così profonda, così puntuale, ha suscitato la reazione di chi vorrebbe fare tacere chi denuncia in modo serio e attento il giogo criminale e i mafiosi. E queste minacce che continuano a essere rivolte a lui come persona, per le cose che dice e le cose che fa, devono diventare attenzione non solo esprimendo solidarietà ma anche sentendoci corresponsabili, più vicini, per non lasciarlo solo, perché possa continuare a mettere la sua capacità artistica al servizio della legalità, della giustizia e della verità. Quindi sono segnali che pongono domande alla coscienza di tutti. Non lasciamolo solo, non lasciamo soli quei magistrati, quelle forze di polizia, quei bravi amministratori, quei commercianti, quegli industriali, quei giovani che si battono per la legalità e la giustizia nel paese”.
Esprime la propria vicinanza a Cavalli anche Antonio Ingroia che sottolinea “come anche l’attività teatrale, di comunicazione alla società civile possa essere a rischio e quindi è importante che ci sia solidarietà attorno a Giulio Cavalli”.
Da notare quanta poca attenzione da parte dei grandi media ci sia stata su quest’ennesimo tentativo di intimidire un cittadino impegnato, e da comprendere il motivo che porta a tanta indifferenza verso questo tipo di avvenimenti, se è perché ormai avvengono così spesso che non fanno più notizia, o se invece sia colpa della voluta omissione di fatti spiacevoli a un’opinione pubblica comunque poco interessata o a volte solo inconsapevole.
Auguriamo a Cavalli di poter riprendere presto la sua attività: non devono averla vinta.