Cavalli a PEACEREPORTER: io sto con Emergency

da PeaceReporter.net

Emergency sotto attacco. Nonostante i tentativi di discredito, diversi esponenti del mondo della cultura hanno espresso la loro solidarietà alla ong attiva a Lashkar Gah, nella provincia dell’Helmand in Afghanistan, per dare assistenza medica ai civili.

PeaceRepoter ha sentito il regista teatrale Giulio Cavalli.

“Penso che in Italia esista la volontà di togliere il diritto di essere contro qualunque cosa. Questo secondo me è all’origine delle vicende che hanno coinvolto Emergency. Gino Strada ha sempre espresso con molta chiarezza la sua posizione di contrarietà e totale condanna alla guerra e per questo motivo si vuole metterlo a tacere. Solitamente ci si limita a zittire, mentre in questo caso si è andati oltre: è stata evacuata la dignità di un ospedale. Anche in questa circostanza bisogna sottolineare che il nostro governo non si è comportato bene, ma non ci si poteva aspettare molto di più. Ci hanno abituato a una volgarità a cui spero di rimanere permeabile per non abbassare la guardia. Le dichiarazioni dell’esecutivo sono l’espressione peggiore della feccia morale e politica del nostro Paese, oltre che della perdita di solidarietà di un minimo senso di collettività”.

Benedetta Guerriero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *