Le Commissioni e la mollezza di Penati e del PD

Sono ufficialmente insediate tutte le Commissioni. Nella posizione di minoranza le Commissioni sono il luogo fondamentale dove poter conoscere, analizzare, dibattere le decisioni che arriveranno in Consiglio, lì dove la prostituzione partitica non è ancora padrona dell’informazione. In campagna elettorale ho più volte chiarito le priorità della mia agenda politica e, con soddisfazione, posso dire oggi di essere nelle Commissioni che coprono per intero le priorità della mia agenda politica:

  • III Commissione Sanità e Assistenza (Competenze: Tutela della salute; politiche assistenziali e servizi socio sanitari; politiche per la famiglia; associazionismo e volontariato; sicurezza sul lavoro; integrazione.)
  • V Commissione Territorio (Competenze: Governo del territorio: porti e aeroporti civili; reti di trasporto e di navigazione; edilizia; lavori pubblici; intermodalita’.)
  • VI Commissione Ambiente e Protezione civile ( Competenze: Valorizzazione dei beni ambientali; valutazione di impatto ambientale; inquinamento; smaltimento dei rifiuti; cave e torbiere; miniere; produzione, trasporto e distribuzione dell’energia; protezione civile; sicurezza industriale; vigilanza ecologica.)
  • VII Commissione Cultura, Istruzione, Formazione professionale, Sport e Informazione (Competenze: Istruzione; formazione professionale; professioni; ricerca scientifica; valorizzazione dei beni culturali; promozione e organizzazione di attività culturali; politiche oer i giovani; comunicazione e mass media; sport e tempo libero.)

Con questa scelta credo di potere mantenere il mandato elettorale dei miei elettori; qui passeranno molti dei temi caldi anche in previsione Expo.

Un altro punto che credo debba personalmente chiarire è quello della Giunta delle elezioni. La Giunta delle elezioni ha il compito di verificare la sussistenza di eventuali cause di ineleggibilità o di incompatibilità dei consiglieri regionali. I componenti di questo organismo eleggono al proprio interno un ufficio di presidenza composto da un presidente, un vicepresidente e un segretario.  Ciascun consigliere viene invitato a presentare una dichiarazione sulle cariche o gli uffici ricoperti, gli incarichi svolti, i rapporti contrattuali in corso con la Regione, ecc..  Sulla base delle dichiarazioni presentate la Giunta delle elezioni procede all’esame di ciascuna posizione giuridica in relazione alle norme legislative in materia di ineleggibilità e incompatibilità.  A tal fine la Giunta delle elezioni assume le informazioni necessarie, chiede e riceve documenti relativi all’oggetto delle verifiche, e sente eventualmente gli interessati.  I suoi lavori hanno carattere riservato.  La Giunta delle elezioni deve compiere l’attività istruttoria entro 60 giorni.  Sulla base della relazione motivata della Giunta delle elezioni il Consiglio, nei successivi 30 giorni, convalida l’elezione dei consiglieri.  Prima della convalida il Consiglio può procedere soltanto agli adempimenti indispensabili ed urgenti, i quali non perdono validità anche nel caso di mancata convalida di uno o più consiglieri. La Giunta delle elezioni esamina anche le cause sopravvenute di ineleggibilità e incompatibilità e provvede alla convalida dei consiglieri subentrati.

La mia presidenza della Giunta delle elezioni è stata concordata con la coalizione di minoranza (IDV, PD, SEL e Pensionati) fin dai primi giorni di insediamento del Consiglio, essendo una delle pochissime posizioni riservata alla minoranza. Sulla nomina di un uomo IDV il Pdl ha posto un veto politico che non mi interessa discutere o analizzare. E’ vero, come dice nel suo comunicato stampa il sempre svelto Gaffuri, che il Pd ha appoggiato la mia presidenza per ben cinque votazioni sempre concluse senza il raggiungimento del quorum necessario (con il Pdl convergente sul candidato dell’Udc Marcora e la Lega padanamente alla finestra con il piglio dei decisi), così come è vero che nella seduta di ieri il Pd, sottolineando che “non è una questione personale”, ha con i suoi voti eletto Enrico Marcora (Udc) presidente della Giunta per le elezioni.

Dunque, stiamo ai fatti: Gaffuri dichiara che ad un certo punto si è imposta la scelta di trovare una “convergenza possibile”. Quindi, poiché le parole non sono opinabili e vanno usate con cautela, il Pd dichiara che la scelta di Marcora è figlia di una convergenza: quindi un accordo, una comunione di modi e obiettivi, un segnale di stima politica e fiducia, un’amicizia istituzionale. Lo scrutinio dice che Pd e Pdl hanno votato l’uomo Udc; Pensionati e Sel si sono astenuti e io mi sono in modo molto inelegante autovotato.

La convergenza politica lombarda del 15 giugno 2010 del Pd è stata quella di votare un uomo Udc a braccetto con il Pdl. Il resto è aria fritta. Se non che la politica dei due forni dell’UDC paga. Il cinismo di tre soli consiglieri è stato sufficiente per imporre ad altri 28 il nome del Presidente della commissione.

Tra le parole il Pd parla anche di “responsabilità istituzionale per sbloccare la situazione”. Rallentare i lavori di una Regione che non si scrolla di dosso l’ombra di un grumo catto-xenofobo di interessi affaristici è evidentemente un’onta per la cortese e accomodante opposizione di un Pd sempre più blando e solamente interessato al risiko delle proprie poltrone piuttosto che all’integrità politica di una coalizione di fatto.

Quindi, seguo il ragionamento: il rispetto del proprio ruolo istituzionale è oggi una priorità. Da ieri Filippo Penati siede su una poltrona di vicepresidenza del Consiglio regionale non più a rappresentare una coalizione che il Pd ha calpestato ma a rappresentare sé stesso e quel poco di Pd che c’è rimasto. Se quello che ricopre è un “ruolo di garanzia della coalizione”, Penati da ieri non è più l’uomo giusto.

Ringrazio Chiara Cremonesi (SEL) e Elisabetta Fatuzzo (Pensionati) per l’appoggio e la coerenza.

3 Commenti

  1. Che schifo………………gente senza parola e dignità, non mantengono mai quello che dicono e sono sempre li pronti a darti la coltellata alla schiena.

    Sarebbe ora che il popolino apra gli occhi e che capisca che questa gente non può rappresentarci!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *