Il Popolo Viola di Milano in piazza per Paolo Borsellino

COMUNICATO STAMPA

“Non li avete uccisi: le loro idee camminano sulle nostre gambe”

Presidio 19 Luglio 2010 – h. 18,30 / 21,00 Via Benedetto Marcello – Milano

Il Popolo Viola Milano ricorderà il Magistrato Paolo Borsellino e gli Agenti della scorta Emanuela Loi,

Vincenzo Li Muli, Claudio Traina, Agostino Catalano e Eddie Walter Cosina assassinati nell’attentato

di Via d’Amelio a Palermo il 19 Luglio 1992.

Delitto efferato nella contiguità stragista mafiosa iniziata con la bomba di Capaci e l’esplosione di un

tratto dell’Autostrada Palermo-Punta Raisi che uccise il Magistrato Giovanni Falcone, la moglie

Magistrato Francesca Morvillo e gli Agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio

Montinaro.

Verrà inoltre ricordato l’impegno coraggioso fino all’estremo sacrificio dell’Avvocato Giorgio

Ambrosoli (“Un eroe borghese” cit. Stajano), commissario liquidatore di un istituto di credito in

dissesto del banchiere Sindona, che per aver scoperto gravi e sospetti legami con poteri forti e

mafiosi venne ucciso da un killer l’11 Luglio 1979.

Il Presidio si articolerà in letture, citazioni e memorie, ma altresì verranno denunciati i legami della

mafia, della ‘ndrangheta e della camorra nel tessuto sociale ed imprenditoriale milanese e lombardo

a dimostrazione dell’extra-territorialità con cui la criminalità organizzata agisce rispetto ai confini

regionali tradizionali ed alla quale si vuole concedere ulteriore libertà operativa con l’approvazione

della nefasta Legge Bavaglio / D.D.L. Intercettazioni.

Una fiaccolata commemorativa di raccoglimento concluderà l’Evento.

Federico Ferme 339. 74 27 980

Ludovica Pizzetti 347. 51 31 176

Marina Varriano 333. 82 14 598

press@popoloviolamilano.it

FaceBook: Popolo Viola Milano

FaceBook Evento: Anniversario Stragi di Falcone e Borsellino

Riferimenti organizzativi e informativi

POPOLO VIOLA MILANO

Agende Rosse

Qui Milano Libera

Omicron

Libera contro le mafie

Adesso Basta !

Le Girandole

Grilli del MU1 di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *