I giornalisti di Libero “lavorino gratis per ripagarci il finanziamento pubblico”

A proposito della propaganda che punta alla bile (scrivevo giusto ieri di Salvini qui) sarebbe da chiedere se non sia il caso di fare un sondaggio per sapere se i 40 milioni di finanziamento pubblico (quindi soldi nostri) presi dal quotidiano LIBERO non dovrebbero essere restituiti con lavoro gratuito utile alla comunità. Che forse, per i giornalisti di LIBERO, tra l’altro sarebbe quello di smettere di scrivere.

(Vedete cari giornalisti com’è facile puntare alla pancia?)

Schermata 2015-01-18 alle 12.54.03

 

(ps: per intendersi, LIBERO è il quotidiano che mi aveva diffamato così)

68 Commenti

  1. Tempo fa per andare alla Mostra dell’Artigianato di Rho sono passata (ero in auto di amici), per Arcore e ad un certo punto vicino ad un cancello ho notato un assembramento di camionette e auto di polizia, carabinieri..Temendo fattacci ho chiesto lumi agli amici, pratici della zona.Risposta: È un po’ della scorta di Berlusconi che gli sorveglia le entrate di casa. Quanto costa e chi paga tutta questa gente al servizio di uno che non ricopre più incarichi di Stato ed è per giunta stato condannato come debitore dello Stato? Uno che può pagarsi da solo tutte le scorte che vuole visti i soldi che elargiva alle sue cortigiane? Non sono soldi e personale sottratti a ben più utili servizi agli Italiani? E va tutto bene perché invece di trattarsi di due ragazze giovani e sprovvedute si tratta di un vecchio e totalmente smagato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *