Migranti: raccontarli con il vocabolario del cuore

Noi ci abbiamo provato dopo le parole anche in video. Un grazie a Sacha che ha dato forma alla delicatezza. Eccolo qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *