L’importante è indignarsi

il solito Mauro Biani.

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *