In nome di cosa?

Una rosa infilata nel foro di un proiettile a Parigi. E un biglietto: “in nome di cosa?”

CTzbMqvXAAA5UBQ.jpg-large

17 Commenti

  1. adesso il festival dei luoghi comuni ? lo si sa benissimo in nome di cosa, e si sa benissimo che noi viviamo delle vite che sono follia pura cosi come le loro lo sono per noi, chi ha ragione ? Potrebbe aver ragione lo spirito la sensibilità’ che gli esseri umani nn hanno mai potuto esprimere, se nn per qualche mesi dopo la nascita, viviamo nella menzogna piu assoluta noi come loro, leviamo la rosa, e riflettiamo perche noi abbiamo distrutto le vite di milioni di persone ?

  2. Di certo NON “in nome di Allah” ! La rivendicazione è stata molto chiara, ritorsione per le bombe francesi e russe che cadono quotidianamente sulle case in Siria , dilaniando i corpi dei lor cari. Se poi si vuole glissare sull’argomento perché scottante in quanto implica delle nostre responsabilità di politica estera che non si vogliono affrontare , è tutta un’altra storia
    Il grido ” Allahu Akhbar” che viene frainteso sempre dall’Occidente come se essi uccidessero in nome di Allah , altro non è che un grido per farsi coraggio, come il nostro equivalente ” all’attacco !”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *