A Seregno “vogliono bene” alla mafia?

tripodi-2Succede a Seregno. Il bar “Tripodi” viene chiuso dalla Prefettura. Il proprietario è la stessa persona che casualmente aveva un box pieno d’armi a disposizione delle famiglia di ‘ndrangheta del posto. Non è difficile pensare che i collegamenti tra bar “Tripodi” e mafia siano consistenti. In un paese normale un bar che puzza di mafia dovrebbe finire deserto, osteggiato, pisciato. In un paese normale. A Seregno invece hanno pensato di appenderci fuori un lenzuolo con scritto “vi vogliamo bene” e tanto di cuore da adolescenti graffiati molesti. Apologia di mafia. Una cosa così. E allora forse c’è qualcun altro da estirpare in fretta oltre al bar.

17 Commenti

  1. Esperienza già vissuta in altri luoghi in passato, specialmente al sud. Ciò dimostra come questo fenomeno non conosce confini geografici ed è, e sempre più sarà, un problema di tutti. La mfiosita é un fenomeno criminale che col tempo é diventato sistema strutturale a livello globale. Si può sconfiggere ma lo si deve volere senza esitazioni non a seconda gli interessi personali.

  2. Sabato 5 marzo alle ore 18, ritrovo in p.zza monumento a Seregno, con una scritta personale contro la mafia, da apporre sul petto o sul dorso. Cerchiamo di essere in tanti e senza sigle, ma solo come cittadini attivi, in risposta al buonismo mafioso. Passate parola per favore, forza muoviamoci, mi raccomando

  3. Sabato 5 marzo alle ore 18, ritrovo in p.zza monumento a Seregno, con una scritta personale contro la mafia, da apporre sul petto o sul dorso. Cerchiamo di essere in tanti e senza sigle, ma solo come cittadini attivi, in risposta al buonismo mafioso. Passate parola per favore, forza muoviamoci, mi raccomando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *