Autopubblicati intervista Giulio Cavalli

• Raccontare la fragilità e la prepotenza;
• La scrittura curativa;
• Scrivere come arma contro l’indifferenza;
• L’indifferenza alimenta la prepotenza;
• E’ preferibile occuparsi delle cause piuttosto che degli effetti;
• L’avere paura cambia la vita;
• Il senso della minaccia;
• Il cannibalismo mediatico e la fabbrica del fango;
• Il terrorismo funziona se il terrore attecchisce;
• Teatro e narrativa;
• Capire il livello di attenzione del pubblico;
• Alimentare la concentrazione del lettore;
• Il monologo nel teatro e nel giornalismo;
• Il tempo della narrazione;
• Allenare la curiosità;
• Cos’è il professionismo nella scrittura;
• Innumerevoli punti di vista nel raccontare una storia;
• Il lavoro creativo;
• Tempi di gestazione di un’opera di narrativa;
• Grandi e piccoli nomi dell’editoria a confronto;
• Far crescere un libro;
• La tournee di un attore e quella di un libro;
• L’autopubblicazione come coltivazione di talenti;
• Il segreto di una grande presentazione: essere autentici;
• Il pubblico delle presentazioni perchè partecipa?
• La presentazione didascalica è un falliento;
• Acquistare un libro è dare fiducia al suo autore;
• Poca gente alle presentazioni è normalità anche per i grandi scrittori;
• Road Map: la via alla scrittura e all’autopubblicazione secondo Giulio Cavalli;


Also published on Medium.

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *