Caro Flavio Briatore

Caro Flavio Briatore,

che oggi ci vorresti insegnare come cellofanare la bellezza, i musei e il paesaggio in una confezione take away per pigri ricconi tutti decibel e bollicine. L’intervista a Repubblica in cui annunci faraonico l’apertura del tuo nuovo locale Twiga a Otranto è il misero condensato di un Paese condannato a essere svenduto come parco dei vostri (poco) parchi divertimenti piuttosto che portatore sano della propria storia. Non stupisce la superficialità della lezioncina che tenti goffamente di impartire dall’alto del tuo snobismo così patetico ma poiché le parole sono importanti conviene fermarsi un secondo a rileggerle.

Dici «ci sono persone che spendono 10-20mila euro al giorno quando sono in vacanza – dice Briatore nel corso dell’incontro ‘Prospettive a Mezzogiorno’ a Otranto – ma a questi turisti non bastano cascine e masserie, prati e scogliere: vogliono hotel extralusso, porti per i loro yacht e tanto divertimento» ma qui, caro Briatore, sbagli subito bersaglio. La clientela a cui tu aneli non ha nulla a che vedere con il turismo: è turista chi viaggia per visitare un luogo ed immergersene mentre tu parli di bulimici consumatori d’arrembaggio. L’ecosistema che sviluppa il tuo modello di locale (dai vari Billionaire fino alla tua discoteca extralusso imbullonata in mezzo al Kenya) sono la brodaglia di esibizionisti, paparazzi, potentuncoli e starlette del sottobosco politichese. Non c’entrano prati, scogliere e nemmeno cascine e masserie: il tuo progetto è una riserva naturale che per egoismo imprenditoriale potrebbe stare benissimo in un angolo qualsiasi del mappamondo, tra il cemento o il mare, con il primario bisogno di non avere interferenze dal resto del mondo tutto intorno.

Il turismo esclusivo, del resto, non è nient’altro che l’abuso privatistico di un brand. Il tuo Twiga di Marina di Pietrasanta (tanto per prenderne uno a caso) grazie a dio non ha nulla da condividere con la città tutta intorno: è uno zoo, una riserva chiusa, un bunker di divertimento turbospinto che di Pietrasanta ha solo il domicilio fiscale. Per voi è il parterre, quello che vi sta intorno.

Dici: «masserie e casette, villaggi turistici, hotel a due e tre stelle, tutta roba che va bene per chi vuole spendere poco ma non porterà qui chi ha molto denaro.» E poi aggiungi «servono alberghi di lusso sul mare» con la faciloneria di chi è convinto di poter sopravvivere mangiandosi i suoi soldi.

Vedi, caro Briatore, io non so esattamente quando sia successo che ti sia stata assegnata la palma d’oro dell’imprenditore credibile.

(continua qui)


Also published on Medium.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *