Cosa pensa il Financial Times della riforma costituzionale di Renzi & co.

Eccolo qui. Fatelo leggere, fatelo girare. Perché non ve ne parlerà quasi nessuno:

matteo-renzis-reforms-are-a-constitutional-bridge-to-nowhere-ft

Also published on Medium.

84 Comments

  1. Giovanni

    Il SI da fastidio a molti vecchioni della politica, onestamente ci saranno anche dei miglioramenti, ma già il titolo V d’assolo mi gratifica, siamo stati fermi tanto, troppo tempo, la guerra a Berllusconi, non ha prodotto che porcherie, ora lasciamoli governare e smettiamola di farci sempre del male una volta tanto
    l’uomo nero non è nascosto con l’archibugio in mano a viso coperto.

  2. Lydia

    La proposta delle modifiche sono stato già fatte durante Letta (non è di Renzi anche se lui ha provato di personalizzarle, facendo promesse che non potrà mantenere). Sono incomplete a causa di compromessi necessarie. Ho letto un libro e varie siti web, sono stato a sentire avvocati e. a. per 4 serate per comprendere bene perchè queste modifiche. Insomma cerco ad informarmi. Qui si parla su idee non verificate.
    Certo servirebberò leggi applicate e scritto meglio, certo che ci vorrebbe questo e quello. Se il meglio e il nemico del buono, figurati della sufficienza.

    La gente gentile fa fattica a dire NO, ma qui siamo proprio bravi a dirlo, per tutto, a tutti (anche al president di consiglio), in continuazione. Allora è giusto che paghiamo I senatori e non snelliamo niente (tra regione e stato per esempio 1000 ingunzioni da quando esistano le doppie responsabilità) ecc. Stiamo bene così, almeno possiamo lamentarci.

    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/14457397_10208800226895999_4148087026646110379_n.jpg?oh=d03ca9f8f770a5232c3af3754b43b560&oe=5872C069

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *