#unlibroalgiorno Il rumore di fondo della scrittura

L’insostenibile peso della frivolezza. Scriveva Voltaire che «L’uomo dovrebbe rallegrarsi di esser frivolo, perché, se non lo fosse, morirebbe di dolore pensando di esser nato per un sol giorno fra due eternità, e per soffrire almeno undici ore su dodici.» Scaraffia descrive (e scrive) il rumore di fondo degli scrittori che hanno fatto la storia della letteratura mondiale. In fila. Come quando facciamo l’elenco delle cose belle.

Presentazione dell’editore:

“Sono proprio gli oggetti la cruna dell’ago attraverso cui deve passare, se non preferisce chiudersi in uno sdegnato mutismo o in una futile retorica, il pensiero. Come nelle fiabe, nella notte dell’ideologia e delle religioni i giocattoli, e cioè gli oggetti, si destano e ci parlano. Solo chi è abbastanza umile da saperli ascoltare può distinguere nelle loro voci, apparentemente frivole, la litania della nostra epoca e il rumore di fondo del passato”. Anello, bastone, capelli. Cappotto, corna, New York, sedere, trasparenza, vestaglia, e molte altre voci: la dittatura delle cose frivole e superflue nell’opera e nella vita dei grandi dell’arte e del pensiero. Questo nuovo “dizionario” di Giuseppe Scaraffia (come i vari composti a partire dal Dizionario del dandy) si legge con la freschezza delle cronache mondane che spiano scrittori e scrittrici e i loro amici, scovando passi indimenticabili, frasi rese celebri dal momento in cui furono dette, aneddoti capricciosi. Sennonché è passando attraverso questi costumi d’autore che bene si illuminano le poetiche e i periodi letterari, guardandoli dagli usi quotidiani. Un’altra tavola, questo “Demone della frivolezza”, di quella specie di mappatura generale, che l’autore va componendo, delle coincidenze tra luoghi narrativi e momenti biografici che fa sembrare vera opera d’arte la vita.

(Il libro lo trovate qui nella nostra libreria Bottega dei Mestieri Letterari sullo scaffale dei libri che vale la pena leggere. Fate un giro nel nostro negozio che nasce piccolo per diventare grande. Ditemi cosa ne pensate.)


Also published on Medium.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *