“Salvini è il più grande assenteista di Bruxelles”. E per il tribunale di Milano non c’è diffamazione scrivendolo.

“Lei è il più grande assenteista di Bruxelles”. Salvini perde il processo per diffamazione contro il segretario generale della Fim, Marco Bentivogli, reo di aver dato dell’assenteista – il più grande – al leader del Carroccio. Il tribunale di Milano ha archiviato il procedimento avviato da Matteo Salvini dopo un acceso scambio di battute tra i due nel corso di un programma su La7 nel luglio del 2015. “Dire che Salvini è un assenteista non è diffamazione, perché è semplicemente la verità”, commenta più che soddisfatto Bentivogli.

“Non avevo dubbi che la querela sarebbe stata rigettata, anche perché i dati delle presenze dei parlamentari europei sono pubblici e scaricabili dal sito e, quindi, visibili a qualunque cittadino”, dice parlando di come Salvini “partecipi solo per il 18%” ai lavori della Commissione sul commercio internazionale di cui fa parte.

“Salvini
sentenzia su molti temi in televisione, ma poi non si prende il disturbo nemmeno di partecipare ai lavori di quella commissione – insiste Bentivogli – è un esempio di populismo irresponsabile che noi combattiamo, proprio per il rispetto della democrazia e della rappresentanza che abbiamo. Qualsiasi lavoratore, assente nel luogo di lavoro, viene licenziato. Salvini crede che le leggi si propongono, contrastano o approvano, stando giorno e notte in tv”.

(fonte)


Also published on Medium.

100 Commenti

  1. Rispetto per il prossimo padre costituente, quello che ha detto da Vespa che è pronto ad eliminare anche il presidente della repubblica poichè non serve, e che vuole l’elezione diretta del premier, quindi cambierebbe la prima parte della nostra carta? Tutti insieme appassionatamente , il No è a solo vantaggio demagogico di Grillo e di questo signore, i cui colleghi di partito pisciarono sulla bandiera, che brutte compagnie avete

    1. Giulio Cavalli L’apparizione di Grillo ha reso necessarie coalizioni come l’attuale, col Porcellum senza premio di maggioranza , orizzonte possibilissimo se vince il NO, sarà anche peggio, poi non ci si lamenti, io per primo che penso che anche il NO ha i suoi vantaggi.

    2. Chi vota NO non è ‘in compagnia’ di grillo o di salvini o di chiunque altro. Chi vota NO lo fa perchè non vuole una Costituzione pasticciata. Mentre chi vota si, si trova in stretta compagnia di un verdini dalla non immacolata fede e fedina, di un pinocchiorenzi bugiardo e falso, di una boschi che ha un padre bancarottiere e di tanti altri ai quali io non affiderei neanche per un istante la mia vecchia Clio del 1999.

    1. Signora lei davvero non sa quel che dice. Giulio potrebbe parlare di “argomentazioni” per due giorni e due notti. E di gentaglia che vota SI o NO ne abbiamo vista tanta. Attaccare con QUESTA argomentazione è pretestuoso. Ossia molto peggio di imbecille …

    2. Sono otto mesi che dobbiamo sopportare queste provocazioni fatte non solo nei social ma anche nelle sedi istituzionali per bocca di Renzi e dei suoi ministri. Con salvini, casapound, brunetta e la meloni io non avevo niente a che fare prima né lo avrò dopo. Renzi invece verdini, de luca, alfano, d’anna, barani, giusto per citare il gotha di questa maggioranza se li é tenuti prima, durante e se li dovrá tenere anche dopo.

    3. Bisogna vedere quanti voti prenderà salvini in caso crolli il governo. Io non ci tengo a spianargli la strada ma si vede che questo rischio siete consapevoli di volerlo correre. Aggiungo che non sapevo che sulla bacheca di Cavalli non si potesse cantare fuori dal coro, ne prendo atto

    4. Paragonarmi a casapound, salvini e la meloni per me è molto più di un insulto. E sono otto mesi che qualcuno me lo dice, anche più volte al giorno. Se non vuoi/volete che si perda la pazienza piantatela con le filastrocche inventate da Renzi e dalla Boschi. In più, studia/te un po’ di storia. Ai referendum é normale che si voti con persone di tutti gli orientamenti.

    5. Insultare ha un significato preciso al di là di ciò che ci piace sentirci dire. Si offende usando offese e non dicendo che il fronte del NO comprende noti fascisti perché questo è solo un dato di fatto e da persone che credevo capaci di dialogare mi sarei aspettata delle normali domande (per le quali evidentemente non avete risposte)

    6. grande Giulio Cavalli!!! per non parlare del fatto che 1) se si fosse fatta una riforma costituzionale con i crismi ovvero con la partecipazione di tutte le forze politiche, ci saremmo comunque trovati affianco Salvini e/o Meloni. Contestabile? non credo… 2) Ma Renzi con chi ha governato fino ad oggi??? che se ne sappia con un bel pò di collusi con la mafia e con indagati..bella gente per votare Si! se queste sono le argomentazioni….

    7. Letizia Rubegni la tua affermazione è imbecille: uno slogan vuoto da cameriere della propaganda. E io mi sono consumato le suole per dibattere con sostenitori del sì in tutta Italia, nessuno mai uscito con una frase così imbecille. E deficiente nel senso che deficia di consapevolezza storica sulla differenza tra un fronte politico e un fronte referendario. Quindi lo riscrivo: imbecille e deficiente. (ps le risposte ci sono in quello che ho scritto. Ma tu ti sei incagliata dove cazzo ti faceva più comodo)

    8. Ma si sa i miti spesso cadono,mi dispiace molto ma tant’è. Ho provato a chiedere che cosa ne pensassi di un oggettivo vantaggio che la vittoria del no darebbe a partiti razzisti e fascisti in questo momento delicato ma la tua risposta è sempre la stessa. Non voglio insistere, sarebbe accanimento terapeutico

    9. Letizia Rubegni l’unico vantaggio reale che si dà ai partiti razzisti e fascisti dei quali tu parli e ai quali tu alludi ( fra l’altro è probabile che non abbia capito da chi sei governata ora) glielo si dà sfasciando la Costituzione e abbinandoci ( allo sfascio) una legge elettorale che, col 20%, ti mette nelle condizioni di “comandare” senza ( o avendone demolito buona parte) contrappesi democratici. Perché non si potrà evitare per sempre che si vada al voto, perché più lo si cercherà di evitare e più i grillosalvini vinceranno.

    10. Fascisti ? Razzisti ? ma cosa sta dicendo ? … per il NO si sono espressi i migliori costituzionalisti italiani e un Magistrato del calibro di Roberto Scarpinato. Fascisti anche loro ? Ovviamente no. Quanto al governo che crolla, scusi ma da come parla si capisce che lei e la politica (e l’economia) siete lontanissimi. Fa ragionamenti infantili … non voto come il mio nemico … si deve votare per il bene del Paese.

    11. Letizia Rubegni Signora Rubegni, c’è troppa acredine nei Suoi commenti!
      Chi ha votato NO – come me – non è stato in compagnia di nessuno, ma solo di un cervello che ragiona e sa distinguere il bene dal male. E, soprattutto, sa che ‘cambiare per cambiare’ in genere è gravemente deleterio, specialmente quando a toccare la Costituzione sono mani sporche.
      Se salvini o altri hanno votato no, hanno fatto l’unica cosa buona della loro vita, mentre votare si è assecondare quanto hanno fatto il verdini, il pinocchio, la boschi e tutta la marmaglia che ha deformato la Costituzione,

    12. Nessuno ha scritto negri lazzaroni. Io ho scritto “giovanottoni neri che lasciano donne e bambini nei guai per venire qui” … è diverso. Ma lei non sa cosa rispondere visto che parla per slogan. Cerchi di fare qualcosa di concreto per il Paese, come ha fatto Giulio per mesi su e giù per l’Italia. Se poi ama tanto la gente di colore può anche trasferirsi in Somalia così risparmiamo …

    13. ah sì? E quali sarebbero di grazia? Ti sfugge addirittura che chi commenta in questa pagina possa ADDIRITTURA essere libero pensatore e non necessariamente “sostenitore” di Giulio Cavalli. Ho la netta sensazione che le affinità siano tue in quanto a visioni acerbe e semplicistiche della realtà che, mi auguro per te e per la gente che ti frequenta, siano causate dalla tua giovane età. Detto ciò, buona vita.

    14. Io fossi in Cavalli mi incazzerei molto di più con dei razzisti come la signora qui sopra che fa la claque sulla sua pagina piuttosto che con quelli che la pensano diversamente e vogliono solo scambiare opinioni senza offendere. Ma si sa che ci vorrebbe un po’ di coraggio

    15. Giulio Cavalli non ha sostenitori. Si regge benissimo da solo. Qui scrivono persone che spesso e volentieri non concordano con lui su singole questioni. Io per prima. Ma si ragiona serenamente e mai lui ha censurato nessuno. Ma lei ha passato ogni limite. Aggressiva, offensiva e demagogica. Io Giulio a volte per quel che scrive lo ucciderei (per scherzo :)) … ma è persona di enorme spessore. Ho letto i suoi libri, ho visto i suoi spettacoli, ci ho parlato. E non ho dubbi sul valore della persona.

    16. Perfettamente mi rendo conto. Come mi rendo conto delle condizioni del Paese, a differenza sua. L’accoglienza dei deboli è sacrosanta ma va gestita e programmata senza creare guerre civili in una nazione. Ma i DEBOLI vanno accolti … prima di tutto anziani, donne e bambini. Ma se ne vedono pochi. La maggior parte sono giovani uomini che hanno abbandonato le loro famiglie nella guerra e nella povertà. Miserabili codardi.

    17. ma cosa dice?? per pietà non dica più questa cosa,la prego si informi sull’assetto sociale degli altri paesi. È come se dicesse che le badanti vengono dai paesi dell’est per abbandonare la famiglia, basta una minima conoscenza del fenomeno per capire. che la stanno mantenendo lavorando qui la loro famiglia.

    18. rilegga le cose orribili che ha scritto, le rilegga bene e mi dica dove trova il coraggio di dire ad altre persone che non hanno conoscenze sufficienti. Ha ragione a dire che non vuole essere paragonata a Salvini perché nemmeno lui è mai arrivato a questo livello. buona serata

    19. Giulio, di stupidaggini ne girano tante, e’ vero. Ma le città e le persone le vediamo e non sono opinioni. Ma il tempo dirà la verità. In ogni caso è un argomento troppo complesso da trattare qui e con chi ha preconcetti. Sia da una parte che dall’altra.

    20. No, manderei un uomo. SE ci fosse lavoro. Ma sai bene che non c’è … almeno non per tutti loro. E in ogni caso allora deve dirsi chiaramente che è immigrazione economica ed interrogarsi se e come la possiamo reggere. Tu lo sai i governi che abbiamo. Non sono in grado di gestire la normalità figuriamoci questa situazione straordinaria. Credo che questa cosa debba essere approfondita con serenità. Senza le solite accuse di comunista o razzista. Comunque … un seggio elettorale della tua Milano ti saluta :)

    21. Letizia Rubegni ho risposto in quel modo perché noi del NO siamo stanchi di essere paragonati e accostati a Salvini, casapound etc oltretutto senza mai entrare nel merito nonostante ti hanno spiegato in più modi che il tuo comnento era fuori luogo semplicistico e ignorante, io sostenitore del No essere paragonato in continuazione a certi personaggi mi sento insultato e quindi rispondo di conseguenza. Il mio “sparati” era voluto nonostante sapessi in anticipo la tua reazione, per farti capire quanto sia irritante essere insultati come insulti tu velatamente. Sei una persona ignorante punto e basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *