«Forse Giulio poteva essere utile al nostro mondo senza essere un simbolo di tanto dolore».

«La tragica uccisione di Giulio è qualcosa che la nostra mente europea, da un punto di vista cognitivo ed emotivo, non è attrezzata a comprendere. Quindi il dolore è un dolore che deve ancora trovare le parole e le forme per essere espresso. È difficile pronunciare la parola “tortura”, ma questo è stato. Molte madri mi hanno raccontato dei loro lutti ma tutte sono state concordi nel dire “questo è inimmaginabile per madri italiane!” Stiamo parlando di una morte provocata da azioni violente per mano di persone che hanno minato la dignità psicologica e fisica di Giulio: un figlio come tanti cresciuti in Italia. Per riprendere le parole di un’amica, “un nativo democratico”. Forse Giulio poteva essere utile al nostro mondo senza essere un simbolo di tanto dolore».

Sono le parole di Paola Regeni nella sua intervista per D. Un’intervista da leggere. Tutta. È qui.


Also published on Medium.

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *