Gentiloni e la destra che è in lui

Ne scrive Leonardo Palmisano:

A sentirlo, a guardarlo, a valutarlo al primo impatto, Gentiloni non sembra persona di destra. Eppure, a osservare più da presso le politiche messe in campo fino ad ora, soprattutto quelle gestite dal Ministero degli Interni, siamo nel campo della destra piena: un po’ razzista, un po’ populista, un po’ troppo securitaria. Gli italiani scesi in piazza per la fine dell’anno si sono trovati blocchi di cemento e cecchini di Stato sui tetti, mentre nelle periferie le camorre hanno festeggiato in piena libertà con la vendita e l’esplosione clandestina di tonnellate di botti.

Il post è qui, sui Quaderni di Possibile. E Leonardo è un nostro nuovo compagno di viaggio. La ricognizione delle intelligenze e dei talenti continua, se volete partecipare con noi vi basta fare un salto qui.


Also published on Medium.

7 Commenti

  1. Io forse non ho ancora capito bene, cosa intendiate per Destra? La Vera Destra è quella che difende la Patria, le tradizioni, la propria economia. Tutto ciò che tende a conservare, pur migliorandosi. Destra è ciò che tutela la sicurezza, anche con metodi forti, è chi lotta contro la mafia, invece di scendere a compromessi, combatte l’illegalità sotto ogni forma. Si preoccupa della Famiglia, cercando delle forme per tutelarla… E molto ancora. Vedete una Destra o un Governo così? Allora non usate quel nome… Per favore!

  2. Il senso di paura molto diffuso non è il governo che lo alimenta, ma le tragedie quasi giornaliere e quello che succede in alcuni quartieri delle nostre città dove la gente comune ha paura ad uscire di casa. Sinceramente penso che se non si dà ai cittadini più senso della presenza dello stato, anche con più addetti alla sicurezza sulle strade, allora si che le nostre periferie saranno sempre più in mano alla malavita, che sia la camorra o bande di criminali stranieri per noi cambia poco.

  3. Mi sembra un discorso pieno di demagogia, penso che qualsiasi governo dotato di buon senso avrebbe preso misure del genere in termini di sicurezza, in un momento come questo. In quanto ai botti della camorra, beh lo hanno sempre fatto indipendentemente dallo schieramento dei cecchini nelle piazze o meno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *