Warning: Missing argument 2 for Jetpack_Photon::filter_srcset_array() in /web/htdocs/www.giuliocavalli.net/home/wp-content/plugins/jetpack/class.photon.php on line 629 Warning: Missing argument 3 for Jetpack_Photon::filter_srcset_array() in /web/htdocs/www.giuliocavalli.net/home/wp-content/plugins/jetpack/class.photon.php on line 629 Warning: Missing argument 4 for Jetpack_Photon::filter_srcset_array() in /web/htdocs/www.giuliocavalli.net/home/wp-content/plugins/jetpack/class.photon.php on line 629 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.giuliocavalli.net/home/wp-content/plugins/jetpack/class.photon.php on line 632

L’editore del libro di Riina Jr? Fallito. Nonostante Bruno Vespa.

Spiace sempre per il fallimento di una casa editrice ma non si può non essere felici del fatto che la mafia (e il favoreggiamento culturale alla mafia) non funzioni in libreria. Ecco cosa scrive La Tribuna di Treviso:

La storia della Edizioni Anordest di Villorba, breve ma assai movimentata, si è chiusa con la sentenza di fallimento emessa dal Tribunale di Treviso. La casa editrice di Mario Tricarico era balzata agli onori delle cronache un anno fa, quando pubblicò il contestatissimo libro di “Salvuccio” Riina, figlio del “capo dei capi” di Cosa Nostra Totò Riina. Duemila copie sufficienti a scatenare una polemica nazionale, con decine di librerie in tutta Italia che si rifiutarono, per ragioni etiche, di vendere il libro pubblicato a Villorba, con conseguenze, prima di tutto, sui bilanci della Edizioni Anordest.

«Quel libro mi ha rovinato» dice oggi, senza mezzi termini, l’ormai ex amministratore Mario Tricarico. Anche lui, un anno fa, finì nell’occhio del ciclone per la scelta di pubblicare il libro di Riina, dal titolo “Riina Family Life”, scritto dopo l’uscita dal carcere Due Palazzi di Padova nel quale era da tempo rinchiuso dopo la condanna a quasi nove anni per associazione mafiosa. Contro la pubblicazione insorse il mondo della politica e della cultura, oltre alle associazioni in ricordo delle vittime di mafie, e anche Salvatore Borsellino, fratello del giudice ucciso Paolo, giudicò sconveniente il contenuto, finché molte librerie arrivarono a esporre il cartello “Qui non si vende il libro di Riina”. Per l’editore di Villorba che aveva scommesso nella pubblicazione del libro fu un pessimo ritorno di immagine. «Quella polemica mi ha ucciso», racconta oggi Tricarico, «non abbiamo più venduto nulla. Ho percepito una forte ostilità da parte delle librerie, mi sono arrivate anche delle minacce, gli addetti ai lavori si sono lasciati influenzare dalla polemica. Sono rammaricato soprattutto dal fatto che nessuno ha letto quel libro». Il “flop” con la pubblicazione di Riina non è in realtà l’unica causa del fallimento arrivato ieri: «Però è stato un tassello importante», commenta ancora Tricarico, «su quel libro avevamo investito tanto».

 


Also published on Medium.

7 Commenti

  1. a mio parere(a mio parere ribadisco) dovremmo essere anche grati a bruno vespa: grazie amche alla analisi di saviano abbiamo capito , qualora c fosse qualche dubbio, che anche i figli nn meritano rispetto, nn son mai critici o nn prendono mai le distanze delle azioni dei padri, soprattutto quando si parla d omicidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *