Perché ha ragione il TAR e non Franceschini

(lo scrive Rocco Todero per Il Foglio. Il Foglio eh)

E’ comprensibile l’amarezza con la quale il Ministro Franceschini ha accolto la decisione del Tar del Lazio di annullare le procedure selettive per la nomina di 5 complessi museali italiani. Chi si pone al vertice della direzione politica di un ramo dell’amministrazione statale ha tutto l’interesse a coltivare il concreto raggiungimento di obiettivi pratici che preludano alla migliore erogazione delle prestazioni della pubblica amministrazione ai cittadini ed ai fruitori dei servizi culturali nel caso specifico. E’ naturale che dopo molto lavoro, articolatosi in un procedimento amministrativo di selezione durato più di due anni, scoprire di dover ricominciare da capo (a fine legislatura) sia una sorpresa che non si possa accogliere col sorriso sulle labbra.

Corrisponde a verità l’affermazione del TAR del Lazio secondo la quale è principio pacifico che le selezioni comparative per l’accesso al pubblico impiego nella amministrazione italiana debbano di necessità svolgersi “a porte aperte”? Perché, dunque, i colloqui per la selezione dei direttori dei musei si sono svolti senza consentire ad alcuno di potere assistere? Vi è qualche principio derogatorio o ragione eccezionale che possa giustificare la condotta della pubblica amministrazione nel coso specifico?

Corrisponde a verità l’affermazione del TAR del Lazio secondo la quale ai sensi dell’articolo 38 del testo unico sul pubblico impiego “I cittadini degli Stati membri dell’Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente possono accedere ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche che non implicano esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri, ovvero non attengono alla tutela dell’interesse nazionale”? Può la predetta disposizione essere immotivatamente derogata per consentire a cittadini stranieri di assumere l’ufficio di dirigente del museo che presuppone l’esercizio di poteri pubblici? Può un Tribunale della Repubblica soprassedere sull’applicazione di una norma di legge ancora vigente?

Corrisponde a verità l’affermazione del TAR del Lazio secondo la quale il punteggio numerico con il quale sono stati giudicati i concorrenti alla selezione pubblica deve essere ricondotto ai criteri predeterminati dalla stessa commissione giudicatrice e non può essere svincolato del tutto dal riferimento alle predette linee guida?

Una riflessione più serena, forse, potrebbe indurre il Ministro dei Beni Culturali a trarre due conclusioni: a) le procedure per la selezione dei direttori dei musei italiani non sono state in grado di dimostrare, oggettivamente, che la scelta sia caduta sui migliori candidati; b) le procedure per la selezione dello staff e dei collaboratori del Ministro Franceschini nemmeno.


Also published on Medium.

58 Commenti

  1. Leggo che “Aveva scelto persone competenti…”. Ma il punto non è questo. La scelta deve avvenire rispettando una procedura ben precisa, nell’interesse di tutti e della par condicio, secondo criteri predeterminati (chiari) e non a porte chiuse!

  2. L’incredibile battage pubblicitario sulla nazionalità dei direttori stranieri trasforma una sentenza seria nella solita buffonata all’italiana. C’è una norma che non consente che chi non ha nazionalità italiana non possa avere incarichi dirigenziali nella pubblica amministrazione. E il giudice si è limitato a ricordarlo. Invece il vero vulnus che si rileva è nella procedura selettiva. Che in questa sentenza viene giudicata non trasparente proprio nelle sue fasi finali. Al punto tale da inficiare la regolarità del concorso pubblico.
    Ma questo, che sancisce il vero valore politico di questa decisione, non interessa ai vari cazzari vip che fanno a gara a chi la spara più grossa sui social.

  3. Detto tutto ciò, dal punto di vista politico la cosa più divertente è che Franceschini se la prende con il Tar perché ha applicato un decreto legislativo fatto nel 2001 da un governo di cui Franceschini era sottosegretario.
    E per me, de hoc satis :)

    (Gilioli)

    1. Ma quale legge franceschini? Non è mica saltata la riforma. E quale sarebbe il decreto legislativo del 2001? La Bassanini? E come mai un altro TAR ha respinto il ricorso contro il tedescone degli Uffizi? Naaa, purtroppo la magistratura è un’altra classe politica con gli stessi intrallazzi e le stesse lobby trasversali. Tutte le sentenze ribaltate da un grado all’altro di giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *