I pericolosi antagonisti del prossimo G20? I poliziotti tedeschi: sesso in pubblico, risse e alcool.

Da noi ne scrive solo TPI ma ne parla tutta la stampa tedesca:

Martedì 27 giugno, tre intere unità di polizia dislocate ad Amburgo in vista del G20 sono state rispedite a Berlino e alcuni agenti sono stati licenziati.

La polizia della città tedesca ha mandato a casa diverse centinaia di poliziotti della capitale a causa del loro grave comportamento durante i preparativi per il vertice internazionale che si terrà ad Amburgo a luglio.

Gli agenti erano arrivati domenica 25 giugno ed erano alloggiati in alcuni container all’interno di un campo originariamente costruito per ospitare dei rifugiati.

I poliziotti sono stati visti fare sesso in pubblico e urinare in gruppo su alcune recinzioni. Almeno un ufficiale è stato coinvolto in una rissa con un collega della città tedesca di Wuppertal. A riferirlo è stata l’emittente radiofonica pubblica tedesca RBB.

Inoltre, il quotidiano berlinese BZ sostiene che una poliziotta è stata vista ballare su un tavolo vestita solo con un accappatoio mentre brandiva una pistola in una mano. Sul giornale tedesco sono anche apparse le foto dei poliziotti ubriachi che mettono a soqquadro un ristorante.

La polizia di Berlino ha confermato su Twitter che gli agenti coinvolti sono stati licenziati. Il vertice del G20 si terrà ad Amburgo tra il 7 e l’8 luglio 2017, tra gli ospiti ci sarà il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che proprio in questa occasione visiterà la Germania per la prima volta dal suo insediamento.


Also published on Medium.

8 Commenti

  1. Non so quante siano 3 unità, però la città è una caserma, tutti i centri importanti sono chiusi o circondati da cordoni. Sabato ad una manifestazione di migranti hanno chiuso tutto il quartiere di Sternschanze per un raggio di almeno tre chilometri, niente macchine, polizia anche nei vicoletti. Alcuni di questi forse pensavano di stare ad un party, il pragmatismo tedesco li ha rispediti a casa, e tuttavia la polizia qui è non è da sottovalutare, soprattutto ad Amburgo. Lo dico per chi pensasse di partecipare alle proteste ad Amburgo la prossima settimana con l’idea che l’organizzazione sia arronzata o superficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *