La vostra vittoria

4363 preferenze. Anzi, 4363 Persone, donne, uomini, ragazze e ragazzi che hanno scritto il mio nome e cognome sulla scheda elettorale.

Questa fiducia mi ha portato, nella mia prima esperienza elettorale, ad essere il più votato di IDV. E il giorno dopo la vittoria, oltre la necessità di esprimere una gratitudine che non sappia di manifesto logoro e retorico, mi chiedo di chi sia la vittoria elettorale.

La mia, di coloro che hanno creduto in me, o molto più semplicemente delle 4363 persone che hanno scritto il mio nome. Già, è la vostra vittoria. Un argine, piccolo, ma un argine alle arroganze delle criminalità in Lombardia, un argine alle mani della criminalità sull’Expò di Milano. Un argine alla continua violenza dei territori da parte del cemento e degli appalti. Un argine all’ignoranza intenzionale che non vuole comprendere i pericoli del voltare lo sguardo e fare finta di nulla.

Abbiamo la possibilità di far sentire maggiormente la voce della cultura, di idee nuove, ma quelle vere che si tramutano in lavoro e che non hanno bisogno di fondi statali per andare avanti. Abbiamo la possibilità di creare maggiore imprenditoria culturale, allontanando nel contempo le azioni predatorie di una politica corrotta e collusa con le mafie presenti in Lombardia.

Posso fare tutto questo lavoro da solo? No, e non lo voglio nemmeno.

Il voto per tornare ad avere una reale valenza ha bisogno che l’impegno di tutti non si fermi alla scheda elettorale. Dobbiamo riprendere in mano la quotidianità politica. Risolvere insieme i piccoli problemi, e riflettere insieme sulle grandi problematiche.

Sicuri che se lasciamo decidere solo agli altri, beh non potremo lamentarci che non ci piacerà il domani.

La mia è una nuova esperienza che posso solo affrontare con l’impegno e lo studio, ma non voglio farmi incasellare in una torre d’avorio.

Quanto potremo cambiare? Quali leggi riusciremo a far approvare, quali le iniziative concrete a favore di tutti? Difficile dirlo, ma non voglio che si rompa il filo della comunicazione con tutti coloro che hanno appoggiato la mia avventura elettorale. Dobbiamo tenerci informati, seguire passo passo, e attraverso il mio sito cercherò di farlo, su quello che Giulio Cavalli combina in regione Lombardia. Una sorta di diario quotidiano. Il cammino è solo all’inizio e certamente una cosa posso assicurarvela: non cambierò atteggiamento. Non diventerò altro in nome di una carica politica. Ma proprio nel rispetto delle istituzioni farò sentire ancora di più la mia voce, ora ne abbiamo la possibilità. Possiamo farci sentire. E possiamo cambiare il nostro quotidiano. Almeno ci proveremo con tutte le nostre forze.

da http://temi.repubblica.it/micromega-online/giulio-cavalli-la-vostra-vittoria/

8 Commenti

  1. Continuo ad essere espulso dall'Italia dei Valori, rifiutato dalla Base IdV, escluso anche dal Circolo Orizzonti Sette laghi. Appoggio Salvatore Borsellino, Luigi De Magistris, Sonia Alfano. Credo che sarò escluso per sempre dall'Italia dei Valori.

    L'otto di giugno torno per due mesi in Nicaragua

    http://www.facebook.com/pages/La-pietra-scartata-…. Mostra tutto

    Nel frattempo sto creando una ONLUS per aiutare gli studenti poveri dell' America latina:
    http://www.facebook.com/notes/la-pietra-scartata-

    Un fraterno saluto a tutti, continuate nell'IdV anche per me

    ALBERTO BOSCHI, Missionario

  2. Filippo

    Caro Giulio, sono uno di quei 4363 e sono ogni giorno più orgoglioso del voto espresso. Per citare Napolitano, "auspico" che il tuo impegno possa essere ripagato e la tua volontà premiata. Buon lavoro

  3. Gino

    Sono contento di far parte di quei 4363 e, se avessi convinto qualche amico a votarti ne sarei molto di più.Così come feci con De Magistris e Sonia Alfano. Ora se, posso aprire un dibattito ,ti chiederei caro Giulio di non trascurare la possibilità che chiedeva De Magistris : unirsi al movimento 5 stelle, alla Sinistra e libertà , al popolo Viola…e mollare definitivamente il PD che è stata la causa del disfacimento del ns Paese.Ricordiamoci solo che divisi ( ed è quello che auspica questo governo )non si và da nessuna parte, possiamo incazzarci quando vogliamo, ma non si concluderebbe nulla. Sò che sei sotto scorta, come Saviano, e come lui avrai sempre il mio appoggio. Grazie x quanto farai . Gino

  4. fritz

    Che bello essere uno dei 4363 che hanno dato fiducia e appoggio a Giulio Cavalli, che poi insieme riempiamo un palazzetto dello sport o messi in fila ne formiamo una lunga da piazza Duomo a Buccinasco.

    "La mafia è una merda" e me la vedo passare tutti i giorni sotto casa nell'indifferenza della gente.

    Grazie Giulio

  5. Jago

    io e la mia famiglia ti abbiamo votato Giulio, e personalmente penso che Milano e la Lombardia abbiano bisogno di persone valide e coraggiose come te! Forza Giulio Cavalli!

Rispondi