Cornuti e derisi: Fiorani si salva con lo scudo fiscale?

Gianpiero Fiorani, ex amministratore delegato della Banca Popolare Italiana, dopo un patteggiamento a 3 anni e 3 mesi per associazione a delinquere, truffa e appropriazione indebita e una condanna in primo grado a 3 anni e 6 mesi per falso in bilancio, propone una transazione di 40 milioni di euro al suo ex istituto di credito.

La transazione proposta da Fiorani è la risposta all’azione di responsabilità votata dal 68,4% dei soci della banca di cui era Amministratore Delegato. Ma in cosa consiste l’azione di responsabilità? L’art. 2392, c.1 cod.civ. afferma che “gli amministratori devono adempiere i doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto con la diligenza richiesta dalla natura dell’incarico e dalle loro specifiche competenze. Essi sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall’inosservanza di tali doveri, a meno che si tratti di attribuzioni proprie del comitato esecutivo o di funzioni in concreto attribuite ad uno o più amministratori”. Ammettendo anche che il patteggiamento non sia un segnale di assunzione di responsabilità o, per meglio dire, di conferma di irresponsabilità, la condanna per falso in bilancio certamente evidenzia una scarsa diligenza nella gestione del proprio incarico. Non credo possa esserci segnale di peggior gestione di una società di quello rappresentato da una condanna per falso in bilancio e, del resto, l’ampia maggioranza dei soci che ha votato per l’azione di responsabilità è giunta alla medesima conclusione.

La legge all’art.2393 c.6 cod.civ. dispone che “la società può rinunziare all’esercizio dell’azione di responsabilità e può transigere, purché la rinunzia e la transazione siano approvate con espressa deliberazione dell’assemblea”. Forse è necessario ricordare la propensione di Fiorani all’accordo che ha caraterizzato gli ultimi percorsi giudiziari a partire dal patteggiamento sino ad arrivare alla transazione. Ma in quest’ultima proposta di soluzione della controversia c’è un aspetto da non sottovalutare. Una parte dei 40 milioni di euro offerti da Fiorani arriverebbero da alcuni conti di banche site in Svizzera e a Singapore. Come? Attraverso la manna dello scudo fiscale. La proroga prevista dal Governo fino al 30 aprile per il rientro dei capitali dall’estero eleva l’aliquota al 7%, percentuale che resta irrisoria.

Quindi, Fiorani è riuscito a trasferire all’estero ingenti capitali. In seguito alla richiesta di risarcimento della sua ex banca propone una transazione di 40 milioni di euro. Non ha più il problema di giustificare il rientro dei capitali perchè, grazie allo scudo fiscale, si assicura la copertura da eventuali accertamenti amministrativi o giudiziari e automaticamente non possono essere accertate eventuali violazioni di natura tributaria e previdenziale, poiché non sono punibili i reati di omessa o infedele dichiarazione.

A questo punto la parola conclusiva spetta al Consiglio di Gestione del Banco Popolare che, spero, possa imporre a Fiorani di affrontare le sue responsabilità senza ulteriori scorciatoie.

Rispondi