18 anni senza Falcone. Interviste a Ingroia, Cavalli e Don Ciotti

Era il 23 maggio del 1992 quando un pulsante azionato da un commando omicida guidato da Giovanni Brusca, innescò il tritolo situato sotto l’autostrada all’altezza dello svincolo di Capaci, che portò alla morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli uomini della sua scorta.

Il tragico evento è stato ricordato Palermo, dove migliaia di persone si sono radunate nel pomeriggio del 23 maggio, in via Notarbartolo, luogo dove risiedeva il magistrato e dove si trova ancora oggi “l’albero Falcone”, simbolo della città e della lotta alla mafia.

La giornata, scandita da tanti eventi, si è conclusa alle 17:58 con il minuto di silenzio accompagnato dall’inno ai caduti. Sul palco è stato, come di consueto, il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso a chiudere la manifestazione.

Nelle immagini che vi mostriamo, anticipazione di quello che pubblicheremo nei prossimi giorni, le interviste a Giulio Cavalli, attore lodigiano protagonista della lotta antimafia nel nord Italia e Don Luigi Ciotti, Presidente di Libera.

Sempre in questo video potrete ascoltare parte del discorso del giudice Ingroia ed il minuto di silenzio e poi il lunghissimo applauso di ringraziamento tributato dai presenti.

http://www.youtube.com/watch?v=V5lT4_ba2ko

da ANTIMAFIADUEMILA.COM

Rispondi