Cavalli sulle dichiarazioni del Senatore: con le sue dichiarazioni Andreotti si scopre per quello che è

COMUNICATO STAMPA

SULLE DICHIARAZIONI DI GIULIO ANDREOTTI

Cavalli: “Con le sue dichiarazioni Andreotti si scopre per quello che è”

“L’età porta il senatore Giulio Andreotti ad abbassare la guardia e a riuscire a mostrarsi in tutta la sua becera visione di uno Stato costruito sull’omertà, sulle amicizie mafiose e sul silenzio compiacente di fiancheggiatori”.

“Le dichiarazioni su Giorgio Ambrosoli offendono non solo uno dei tanti uomini giusti di questo Paese scaricati e venduti alle mafie dal governatore di turno.” Giulio Cavalli, consigliere regionale dell’Italia dei Valori, afferma che “le esternazioni del senatore prescritto a vita sono un’offesa per tutti coloro che a fatica si ostinano a credere che le istituzioni debbano essere luoghi di garanzia democratica e non salotti dove ungersi con strette di mano o baci bavosi degli uomini di mafia”.“Conoscendo il premeditato e matematico tempismo del senatore – continua il consigliere regionale di Idv – non sfugge come una dichiarazione di questo tipo arrivi nel pieno del sanguinamento della ferita di un uomo di Stato ucciso pochi giorni fa: il sindaco di Pollica, Angelo Vassallo”.

“In un Paese normale – conclude Cavalli – la credibilità politica del senatore Andreotti sarebbe andata in prescrizione contemporaneamente al suo processo. Quel processo che ci ha raccontato come il senatore a vita sia stato colpevole di associazione a delinquere con la mafia fino alla primavera del 1980, quindi, anche nel giorno in cui è stato ucciso l’avvocato Giorgio Ambrosoli”.

Rispondi