A Milano il cinema si è infiltrato nella politica

Devo ammettere che quando me lo hanno proposto c’ero rimasto di sale: mica per disagio o disaccordo con la proposta che da subito ho trovato profumata, ma più che altro per l’ottimismo insito nell’idea. Fare politica esercitando la memoria con l’arma del cinema è una piccola rivoluzione. E allora con molto piacere vi invito a partecipare ad un percorso di proiezioni per un anniversario dell’unità d’Italia che non commemori la memoria, ma si rimbocchi le maniche per provare ad esercitarla in questa Milano che si prepara alle amministrative.

IN OCCASIONE DELLA CELEBRAZIONE DEL
150° ANNIVERSARIO DELL’UNITA’ D’ITALIA

IDV LISTA DI PIETRO, MILANO CITTA’
PRESENTA
A CINEMA CON IL NONNO
(CINEFORUM CURATO DA MARIO ERCOLE)
PRESSO ACQUARIO CIVICO
VIA GEROLAMO GADIO 2- MILANO

21/11/2010 H15:30 “ALLOSANFAN” DI PAOLO E VITTORIO TAVIANI
5/12/2010 H15:30 “QUANTO E’ BELLO LU MURIRE ACCISO” DI ENNIO LORENZINI
19/12/2010 H15:30 “BRONTE- CRONACA DI UN MASSACRO CHE I LIBRI DI STORIA NON HANNO RACCONTATO” DI FLORESTANO VANCINI
6/01/2011 H15:30 “1860” DI ALESSANDRO BLASETTI
30/01/2011 H15:30 “VIVA L’ITALIA” DI ROBERTO ROSSELLINI
13/02/2011 H15:30 “SENSO” DI LUCHINO VISCONTI
27/02/2011 H15:30 “NUOVOMONDO” DI EMANUELE CRIALESE
13/03/2011 H15:30 “PROCESSO ALLA CITTA’” DI LUIGI ZAMPA

DOPO OGNI PROIEZIONE SEGUIRA’ UN BREVE DIBATTITO.

Un commento

  1. Marzio Gandini

    Potreste far vedere anche il "principe e il povero" molte delle leggi o dei regolamenti comunali emessi in questi ultimi anni sono le stesse leggi che vessavano il popolo di Londra alla fine del 600… Tutto un dire…

Rispondi