‘ndrangheta. Cavalli (IdV): Formigoni è inadatto ad amministrare un territorio di cui non conosce le problematiche

‘ndrangheta. Cavalli (IdV): “Formigoni è inadatto ad amministrare un territorio di cui non conosce le problematiche”

In seguito alla dichiarazione del Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, che ha sostenuto che “nessuno può pensare che ci sia la minima colpevolezza da parte delle istituzioni territoriali” e che “noi siamo vittime dell’attacco di mafia e ‘ndrangheta”, il Consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Giulio Cavalli afferma: “Il gioco al vittimismo di Formigoni è un metodo semplice e, purtroppo per lui, poco efficace per coprire le evidenti responsabilità di una politica lombarda che, anche all’interno delle sue istituzioni, ha latitato nel contrasto alla criminalità organizzata”. “L’immagine che propone Formigoni – aggiunge il consigliere IdV Cavalli – è quella di una regione inconsapevolmente travolta da mafia e ‘ndrangheta. Il Presidente della Regione, in questo modo, evidenzia gravissimi lacune culturali e sociali, che sfiorano i limiti della cattiva fede e sicuramente lo rendono inadatto ad amministrare un territorio di cui non conosce le problematiche”. “Ricordo a Formigoni – conclude Giulio Cavalli – che la criminalità organizzata è profondamente radicata da decenni nella regione che lui governa ed è quanto meno impossibile che lui non se ne sia accorto. Forse la cattiva abitudine al negazionismo ha portato il Presidente lombardo a negare l’evidenza. Le istituzioni non sono vittime inconsapevoli, bensì interlocutori che, troppo spesso, si rendono disponibili.”

Un commento

  1. paola

    se l'ignoranza non è ammessa, figuriamoci l'irresponsabilità e inconsapevolezza istituzionale, ovvero l'avere problemi di udito.. visto che se ne parla palesemente da tempo..

Rispondi