Quanto paga la Lombardia per Israele?

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA EX ART. 117 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO REGIONALE

Al Signor Presidente del Consiglio regionale

Oggetto: Richiesta informazioni evento culturale e scientifico presentato in Regione Lombardia dall’ambasciatore d’Israele Gideon Meir e promosso dal Presidente della Giunta della Regione Lombardia, Roberto Formigoni.

I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI REGIONALI

PREMESSO CHE

Nella seconda metà del 2011 si svolgerà, a Milano, un maxi evento culturale e scientifico della durata di dieci giorni, che a fronte di un investimento di 2,5 milioni di euro prevede: un concerto di Noa, una mostra a Palazzo Reale o a Palazzo Litta, un’installazione tra piazza Duomo e piazza Castello, una serie di incontri con i principali scrittori israeliani, una mostra di design, quattro eventi realizzati con la Camera di commercio sul tema dell’acqua, la realizzazione di un padiglione in Piazza Duomo di 900 metri quadrati di plexiglas illuminato anche di notte;

PREMESSO INOLTRE CHE

Le forze dell’ordine dovranno alzare i livelli di sicurezza essendo un evento riguardante lo Stato d’Israele;

CONSIDERATO  CHE

Il bilancio regionale annuale ha visto ridursi notevolmente i capitoli di spesa riguardanti il settore culturale della Regione Lombardia;

CONSIDERATO INOLTRE CHE

La suddetta struttura di 900 metri quadrati compresa l’illuminazione della stessa oltre a comportare un notevole dispendio economico  determinerà anche un notevole dispendio energetico;

ATTESO CHE

Non vi sono state presentazioni ufficiali in ordine alle modalità di realizzazione dell’evento;

INTERROGANO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDA, ROBERTO FORMIGONI, LA GIUNTA REGIONALE NONCHE’ L’ASSESSORE REGIONALE AL BILANCIO, FINANZE E RAPPORTI ISTITUZIONALI ROMANO COLOZZI, E L’ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE, POLIZIA LOCALE E SICUREZZA, ROMANO LA RUSSA,  PER CONOSCERE:

  1. Se per il predetto evento sia stato, è o verrà destinato apposito capitolo di spesa del bilancio della regione Lombardia;
  2. Se è prevista anche una collaborazione economica da parte o a carico dello Stato di Israele per l’organizzazione di tali eventi;
  3. Quali siano i termini contrattuali in ordine all’utilizzo dei luoghi preposti allo svolgimento dei suddetti eventi;
  4. Quali siano le fonti energetiche che saranno utilizzate per le illuminazioni notturne e a quanto ammontino i relativi costi;
  5. In che modo si prevede di provvedere alla sicurezza e al presidio dei luoghi stabiliti nonché all’incolumità dei cittadini.

 

 

Milano, 12 Aprile  2011

Giulio Cavalli (IDV)

Stefano Zamponi (IDV)

Francesco Patitucci (IDV)

Gabriele Sola (IDV)

 

 

 

 

4 Commenti

  1. alessandro carucci

    Confesso che per quanto riguarda lo stato di Israele sono un po partigiano, anche se disapprovo i suoi comportamenti nei confronti dei palestinesi, che considero, insieme ai nepalesi ed ai nord coreani tra i popoli più sfortunati della terra. Sinceramente non comprendo il perchè ed il percome si sia giunti alla decisione di fare questa mostra, chiamiamola così . Penso , malignamente, che questa sia un'altra occasione per sperperare pubblico denaro e distribuire una congrua quantità di mazzette tra " gli amici degli amici" a discapito della scuola PUBBLICA ,dell'assitenza agli anziani, al miglioramento dei trasporti, alla sanità PUBBLICA in generale . Di bene in meglio Maurizio Carucci Negri

Rispondi