Chiarezza sui tumori a Lodi: interrogazione depositata.

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA IN COMMISSIONE EX ART. 116 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO REGIONALE

Al Signor Presidente del Consiglio regionale

Oggetto: delucidazioni e misure da adottare in ordine all’alto tasso di casi di tumore nella provincia di Lodi.

I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI REGIONALI

PREMESSO CHE

in data 14 Aprile 2011 sono stati presentati all’Asl di Pavia, i primi dati del registro tumori realizzato dall’Asl pavese, in collaborazione con quella di Lodi e l’istituto tumori di Milano;

PREMESSO INOLTRE CHE

nel biennio di indagine (2003 2004), i nuovi casi di tumore sono oltre le 3.100 unità con una incidenza maggiore nei casi riguardanti i tumori alla mammella ed ai polmoni;

CONSIDERATO  CHE

nei territori di riferimento, i casi incidenti di tumore, sono stati 11mila 414: 8.270 in provincia di Pavia e 3.144 nel Lodigiano, di cui 1.767 fra i maschi e 1.377 femmine;

CONSIDERATO  CHE

la Provincia di Lodi risulterebbe essere quella con il più alto numero di casi di cancro;

CONSIDERATO  INOLTRE CHE

nella sintesi di tutti i tumori nell’ambito della popolazione maschile del Lodigiano si calcolano 450 casi ogni 100mila abitanti, contro i 430 di Como, i 340 della media italiana, i 380 di Pavia e i 350 di Milano mentre in quella femminile le donne ammalate nella provincia di Lodi raggiungono le 300 unità ogni 100mila contro i 260 della media italiana;

CONSTATATO  CHE

nella  specifica dei tumori al polmone tra i maschi si registrano 75 casi ogni 100mila nella provincia di Lodi,  65 casi nella provincia di Pavia,  54 della media italiana così come a Como e a Milano città e 60 casi nella provincia di Varese, mentre per le femmine sebbene la situazione sia migliore vi è comunque un tasso pari a 18 casi su 100mila contro la media italiana pari a 15 ogni 100mila;

CONSTATATO INOLTRE CHE

il dato in campo maschile sul tumore ai polmoni è preoccupante se si pensa che Lodi ha una popolazione inferiore rispetto alle altre province lombarde e di conseguenza il dato su cui fare riferimento è costituito dalla forbice di 20 punti in più rispetto alla media nazionale di tumori ai polmoni tra gli uomini;

ATTESO CHE

Altro dato che spaventa è quello del tumore alla mammella, oggetto di screening: un tasso di 104 ogni 100mila contro la media italiana ferma a 87,5, Pavia a 97 e Varese a 98;

INTERROGANO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

LOMBARDA, ROBERTO FORMIGONI, LA GIUNTA REGIONALE

LOMBARDA E L’ASSESSORE ALLA SANITA’, LUCIANO BRESCIANI:

  1. Se la Regione Lombardia sia a conoscenza della situazione descritta;
  2. Se sia prevista, o sia già in atto, una più accurata analisi od indagine della situazione sopra descritta;
  3. Quali azioni o misure abbia a riguardo attuato od intenda attuare;
  4. Se non ritenga che tra le misure di cui al punto 3 lo strumento costituito da adeguate campagne informative e di prevenzione debba essere maggiormente utilizzato.

 

Milano, 18 aprile 2011

 

 

Giulio Cavalli (IDV)

Francesco Patitucci (IDV)

Gabriele Sola (IDV)

Stefano Zamponi (IDV)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *