DONADI E CAVALLI: DIECI DOMANDE (PIU’ UNA) PER LETIZIA MORATTI

Il PDL milanese (dimenticandosi di avere il proprio leader in tribunale a rispondere di frode fiscale e appropriazione indebita) decide di stilare una lista di domande a Giuliano Pisapia. Letizia Moratti ultimamente annaspa dimenticandosi che il ruolo di candidato sindaco è quello di proporre, piuttosto che opporre. Io e l’onorevole Massimo Donadi avevamo in tasca da qualche mese qualche curiosità. Quale giorno migliore per porle alla candidata sindaco Letizia Brichetto (per gli amici Moratti) se non oggi? Attendiamo fiduciosi le risposte…


1. Come è riuscita nella difficile impresa di battere ogni record di assenteismo nel Consiglio comunale della ‘sua’ Milano?

2. Dopo l’annuncio dell’abbattimento della bat-casa del figlio, ritiene risolto il problema dei furbetti del mattone che, nell’ombra hanno governato in questi anni a Milano

3. Quando intende raccontare ai milanesi dei rapporti non sempre trasparenti tra la sua Giunta e il pregiudicato Ligresti?

4. Dal momento che il tema di Expo 2015 è ‘Nutrire l’ambiente, quando smetterà di occuparsi di cubature, proprietà e Pgt focalizzando finalmente l’impegno di Milano sui contenuti piuttosto che suoi contenitori?

5. Perché i milanesi che hanno diritto ad un alloggio Aler si ritrovano in lunghissime liste d’attesa mentre la criminalità organizzata continua ad offrire alloggi popolari a prezzi vantaggiosi e in tempi record? Quale è la sua posizione sulle recenti indagini che coinvolgono i vertici di Aler?

6. Quando riterrà di aver acquisito le competenze necessarie per spiegare ai milanesi i ‘vantaggi’ della sua operazione-derivati, che ha portato le casse comunali ad un indebitamento record? Quando riuscirà a scegliere i consulenti senza essere ripresa dalla Corte dei Conti?

7. A seguito dell’ultimatum che ha lanciato: “O me o Lassini”, lette le diverse posizione dei suoi compagni di partito, le risulta sia stata presa una decisione dai probiviri del PdL? E se sì, chi esce di scena?

8. In considerazione della sua conclamata volontà di favorire la scuola privata, perché non ha inserito nei suoi manifesti elettorali le macerie dei fatiscenti istituti scolastici pubblici milanesi cronicamente provi di risorse?

9. Augurandosi che dopo le centinaia di arresti degli ultimi mesi di uomini di ‘ndrangheta anche lei (ultima dei negazionisti) si sia ricreduta, come ci si sente da Sindaco uscente di una città in cui la mafia esiste?

10. Avendo ritenuta non legittima una commissione antimafia durante il suo mandato, la scelta di candidare nelle proprie liste persone che hanno avuto frequentazioni con esponenti della criminalità organizzata, rientra in una precisa linea di governo?

10+1. Quando ha intenzione di iniziare la campagna elettorale, smettendo di gettare fango sugli avversari? Quando illustrerà suoi programmi e le sue proposte invece di chiedere quelle degli altri? Insomma, quando darà risposte smettendo di fare domande?

 

Consigliere Regionale Lombardia – Giulio Cavalli

Capogruppo alla Camera – Massimo Donadi

 

 

 

Rispondi