La classe dirigente che già c’è

Lo dice bene Giuliano Pisapia in un’intervista a Liberazione qui: la grande scoperta è che questi comitati, questi gruppi, queste persone non si limitano a dire ‘no’ a un ecomostro, piuttosto che alla chiusura di un luogo di aggregazione o di un centro di cultura, ma hanno elaborato tanti progetti alternativi, valutandone costi e fattibilità. In questo primo anno in Regione la sorpresa sono stati loro. Collaboratori ostinati, quotidiani, spesso anche pungenti, i comitati e le associazioni mi hanno aiutato a costruire proposte dietro e proteste. Un grazie glielo devo.

Rispondi