Nucleare. Cavalli: “L’onda arancione trascini i referendum”

Milano, 1 giugno 2011 – “Il vento nuovo che è partito da Milano con la netta affermazione di Giuliano Pisapia (e dei milanesi) si abbatterà sui referendum contro il nucleare e per l’acqua pubblica del 12 e 13 giugno”. Lo dichiara Giulio Cavalli, consigliere regionale dell’Italia dei Valori.

“I quesiti referendari (4 nazionali e 5 milanesi) sono parte fondamentale del programma di Pisapia – aggiunge il consigliere di IdV – ma, sono soprattutto la prima occasione per espandere questo vento di cambiamento e partecipazione che considera l’ambiente come eredità da preservare, in un nuovo modello di vita che rifugge dagli interessi delle lobby e dalle antiquate interpretazioni del sistema energetico”.

“Leggo e mi dispiaccio, anche se era ampiamente prevedibile, che Formigoni non andrà a votare, sciupando – conclude Giulio Cavalli – l’ennesima occasione per prendere una posizione chiara sul nucleare in Lombardia. La nebulosa posizione del Governatore è una ‘nube tossica’ che sarà spazzata via dall’onda arancione”.

Rispondi