Una ragione in più per votare SI al referendum

Se ne sono convinti anche loro. Ribellandosi al Re. (clicca per ingrandire)

 

3 Commenti

  1. Rinaldo Sorgenti

    Davvero incredibile che si possano dire tante falsità per tentare di ingannare le persone meno informate.
    L'acqua – come bene naturale è pubblica e NON potrà mai essere privatizzata.
    Quello che il decreto Ronchi prevede è la necessità di affidare la GESTIONE della DISTRIBUZIONE previa l'emissione di Bandi di Gara ad evidenza pubblica a cui possono partecipare sia il Pubblico – il pubblico con il Privato ed il Privato.
    Chi si aggiudica la Gara sarà tenuto a rispettare le condizioni imposte dal Pubblico nel Bando (pena rescissione dell'affidamento) con l'obiettivo di rendere più efficace la gestione e ridurre le incredibili perdite della fatiscente rete, pubblica, che i Comuni NON hanno le risorse economiche per fare gli investimenti di modernizzazione.
    E se lo facessero, prendendo i soldi per gli investimenti in prestito dalla CASSA DEPOSITI E PRESTITI, sarebbero per legge tenuti a pagare gli interessi su tali finanziamenti.

    Fate una cosa intelligente. leggete il decreto Ronchi e vi convincerete che non c'è nulla da cambiare, quindi NON andate a votare la mistificazione.

Rispondi