Un tranquillo pomeriggio di paura

Sarà il caldo o sarà la voglia di polemizzare solo per meritarsi un ritaglio in penultima pagina. O forse perché un giorno qualcuno mi rimproverava che non si può mica fare politica con la poesia, solo Vendola ci riesce e anche male, ma questo pomeriggio mette i brividi di freddo. Perché la discussione su Tabacci e il doppio incarico (che trovo anche giusta di fondo) viene rimarcata da chi ha mantenuto il doppio incarico per vedere come finivano i ricorsi (parlo anche di colleghi bresciani in Regione) e oggi sale sull’altare degli inquisitori. Intanto Penati si dimette (con qualche anno di ritardo) dalla Provincia per un senso di realtà improvvisa. Pensavo fosse finita, poi alle 15 è uscito il pezzo che ci dice che IDV svolta e dice sì all’alleanza con Casini.

3 Risposte a “Un tranquillo pomeriggio di paura”

  1. Un film già visto. Non molto lontano da Milano.
    Un saluto
    Diego Scanzano

  2. Beh ma sull'UDC cosa c'è di sconvolgente?
    Va bene cercare appigli per litigare tra noi/voi, è lo sport preferito quando le cose vanno bene alla squadra di sinistra, ma questa cosa dell'UDC l'abbiamo sempre sentita anche da DiPietro.
    Si all'alleanza con l'UDC-Casini purchè aderisca al programma ed ai suoi elementi: quindi fuori i pregiudicati e intrallazzatori (non lo faranno mai).

  3. Giulio, cosa sta succedendo nel nostro partito? Sono finalmente emersi quei problemi di cui si parla da mesi/anni? è finalmente chiaro che lo scopo di riportare l'Idv in lombardia al 2% ha come sola finalità quella di lasciare i "padroni" maneggioni sulle loro belle poltrone.
    Io mi sto stufando di questo atteggiamento da Dc, che per mia fortuna ho studiato solo sui libri e in qualche approfondimento, anche se ora la sto provando sulla mia pelle. I militanti del partito hanno il diritto di sapere cosa sta accadendo.

    ps: il resto di ciò che penso è nell'articolo "Non è un partito per giovani?", inserito anche nello spazio "giovani di valore"
    Ciao e a presto
    Sonny

Lascia un commento