Napoli è la Grecia

Penso che bisogna attrezzarsi a lottare contro, e dentro, il collasso. Che bisogna fare con quello che c’è. Luogo per luogo, situazione per situazione. Fare analisi istantanee sulle risorse immediatamente reperibili. A Napoli, nel caso specifico, c’è una situazione devastante, ma anche peculiarità su cui riflettere. l sindaco De Magistris, cui va per ora tutta la mia vicinanza, dovrebbe trovare il coraggio e l’umiltà per rivolgere a chi l’ha votato un’ulteriore, decisiva, richiesta d’aiuto, di coinvolgimento pratico. Penso, in una paradossale salsa “cubana”, alla dichiarazione di una sorta di “periodo especial” per la città. Sei mesi, un anno. Per affrontare di petto le cose più urgenti. Chiedendo, in maniera esplicita, una partecipazione di massa. Un commento che traccia una strada.

Rispondi