CAVALLI ADERISCE A SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ: IN LOMBARDIA, SI RAFFORZA IL CANTIERE DELLA SINISTRA

Giulio Cavalli, lasciata Italia dei Valori, approda al Gruppo consiliare di Sinistra Ecologia Libertà. Il passaggio è stato ufficializzato oggi in una conferenza stampa congiunta con il capogruppo di Sel, Chiara Cremonesi.

“Dopo il voto amministrativo e referendario, segnati da una partecipazione democratica così intensa – spiega il consigliere Cavalli – ho sentito ancor più forte l’urgenza di contribuire attivamente al cantiere della sinistra, per vincere nel Paese e anche in Lombardia, lungo quella sottile linea arancione che già ci ha portati lontano.

Mi sono confrontato con molti miei sostenitori e insieme, in Sel, abbiamo riconosciuto la nostra casa, il luogo che più assomiglia alla nostra storia. Ringrazio Italia dei valori per avermi dato una grande occasione di crescita politica e personale. Le parole di Stefano Zamponi e degli altri consiglieri mi confortano nell’idea di avere costruito una stima reciproca al di là delle posizioni politiche.

Negli ultimi mesi ho maturato l’esigenza di un’assunzione di responsabilità e scelgo di essere parte attiva per costruire una più ampia sinistra. Sono convinto che Sel offra in tal senso gli strumenti necessari.

Già in questo primo anno da consiglieri, con Chiara abbiamo condiviso molte battaglie, toccando con mano e praticando una vicinanza di idee, progetti e obiettivi. E così continueremo a fare”.

“Sono molto onorata sia a livello personale che a nome di Sel – ha sottolineato la capogruppo Chiara Cremonesi – per la scelta di Giulio Cavalli. Seguo da molto tempo, ancor prima di questa esperienza in Consiglio, il suo impegno civile e politico. E che ora decida di metterlo a disposizione del cantiere per la sinistra è un gesto generoso e un’ottima notizia.

Da oggi, porteremo avanti insieme le tante iniziative che già ci hanno visti lavorare fianco a fianco e l’attività in Aula, a partire dalla proposta di una nuova legge sull’acqua che recepisca anche a livello regionale l’esito referendario”.

Milano, 1 luglio 2011

—————————————————————————-

Consiglio Regionale della Lombardia

Ufficio stampa Sinistra Ecologia Libertà

Manuela Della Nave

02.67486218  333.8355484

 

82 Commenti

  1. pippo

    Saranno felici gli elettori di Idv. Lo stipendio di consigliere dallo in beneficenza visto che ora non stai rappresentando più i tuoi elettori e quindi non meriti il tuo posto.

    1. Giulio Cavalli

      Sarà felice la tua dignità internettiana, visto che hai pubblicato innumerevoli commenti tutti dallo stesso ip (86.144.199.47, e lo metto qui così tutti possono curiosare e sapere proprio tu chi sei) e non ti sei firmato. Buon lavoro. E attento ai rapporti troppo stretti con Comunione e Liberazione.

  2. Alberto

    Ho rispetto della persona anche io, sono contento del suo lavoro, però……. avrebbe dovuto dimettersi da consigliere o quantomeno aderire al gruppo indipendente.
    Io come elettore IDV mi sento personalmente tradito.
    Non sono stati certo gli elettori SEL a votarla. Io sono riuscito a portarle ben 4 voti nel mio ufficio. E ho distribuito i volantini in tutto il mio condominio sponsorizzandola. Senza contare la fiducia che le ha dato Di Pietro, mettendola pure capolista, ero presente al convegno di presentazione.
    Lei è venuto meno al patto con i suoi elettori e soprattutto nella fiducia che essi le hanno dato votandola. A neanche un anno dall'elezione. Si tratta di coerenza e rispetto dell'elettorato. In questo caso venuto meno.

    1. Francesco

      Innanzitutto Cavalli non era capolista. Il capolista era Stefano Zamponi, consigliere regionale uscente.
      In secondo luogo in Regione il gruppo misto non esiste per cui, secondo regolamento, Cavalli doveva aderire per forza ad un altro gruppo.
      Cavalli era un candidato indipendente e, quindi, il voto gli elettori avrebbero dovuto darlo al suo programma elettorale che lui non ha tradito. Se Lei mi indica degli atti che Cavalli ha proposto in Consiglio contrari al suo programma elettorale allora sono d'accordo con lei, ma questo non è avvenuto.

Rispondi