Il 4 luglio di Paolo

Acqua che cade ma che non ci spaventa. Mille persone sono lì per Mathias e facciamo finta di essere nel più bel teatro del mondo perché il concerto di questa sera è per lui. Paolo Fresu suona con le parole una pagina di diario che racconta il lavoro meraviglioso che in tournée ci capita di fare. Chapeau.

Una risposta a “Il 4 luglio di Paolo”

  1. SAREBBE UNA BELLA ESPERIENZA PER TE RECITARE NELLO STESSO POSTO DOVE PAOLO HA SUONATO. VEDRESTI PAESAGGI MAI VISTI E PERSONE COME GIANFRANCO, GRAZIELLA , PAOLO MEU E TUTTI GLI ALTRI DELLA COOPERATIVA ENIS.IL PAESAGGIO DI FRONTE E IL CORRASI DIETRO MENTRE IL VENTO MUOVE COME TASTI LE FOGLIE DEI LECCI SAREBBERO DAVVERO UN'OTTIMA PLATEA.

Lascia un commento