Cavalli (SEL): IL CATTOLICESIMO DA MARCIAPIEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE

“Oggi il centrodestra in Commissione VII ha deciso responsabilmente di impegnare tempo e menti sul sofisticato progetto di legge della Lega Nord, che obbliga all’esposizione del crocifisso e di simboli cattolici nei locali di Regione Lombardia.

Al di là delle discutibili priorità di una maggioranza che deve infilarsi nelle più impensabili inezie per evitare il confronto politico su temi di concreto interesse pubblico, registriamo un medioevale e preoccupante passo in avanti nel campo del feticismo religioso, che preferisce icone da martellare al muro piuttosto che valori da esercitare.

Non sarà sicuramente un caso il voto redento della consigliera Minetti che rappresenta in toto, nel suo passato recente, quanto di più lontano dalla serietà, sobrietà e castità professata.

In Aula ci opporremo – sostenuti dal principio di laicità dello Stato sancito dalla Costituzione – a questo inutile pdl. Pronti comunque a rispettarlo, nel caso in cui fosse approvato a maggioranza, con l’esposizione nei nostri uffici di Santa Sarah, protettrice dei rom”.

Milano, 21 luglio 2011

Rispondi