Ma dai

Ombre sul maxi buco dell’Istituto milanese. Il Corriere della Sera parla di undici milioni di euro inghiottiti da una società a un’altra e rivela le operazioni sospette di don Luigi Verzé, il fondatore dell’ospedale milanese, e Mario Cal, il vice suicida. Spuntano tangenti ai politici in cambio di favori e di una diffusa prassi a gonfiare le fatture dei fornitori per creare una disponibilità extra. Tantissimi soldi fuori confine che in trent’anni avrebbe alimentato conti esteri ben coperti, in parte per uso “istituzionale”, in parte personale.

Rispondi