Già un’ora di ferragosto

L’Italia – e non solo l’Italia del Palazzo e del potere – è un Paese ridicolo e sinistro: i suoi potenti sono delle maschere comiche, vagamente imbrattate di sangue: «contaminazioni» tra Molière e il Grand Guignol. Ma i cittadini italiani non sono da meno. Li ho visti, li ho visti in folla a Ferragosto. Erano l’immagine della frenesia più insolente. Ponevano un tale impegno nel divertirsi a tutti i costi, che parevano in uno stato di «raptus»: era difficile non considerarli spregevoli o comunque colpevolmente incoscienti.
(Pier Paolo Pasolini, Lettere luterane)

2 Risposte a “Già un’ora di ferragosto”

  1. Meno male che al povero Pierpaolo sono state risparmiate le ultime generazioni.

  2. nellina laganà dice: Rispondi

    perfetta descrizione di questi poveri reietti che si trascinano nel divertimento che porta al buio,Lete senza letizia

Lascia un commento