9 anni al figlio del boss Valle

Condanna a 9 anni di reclusione per Carmine Valle, figlio di Francesco Valle, uno degli ‘storici’ capi della ‘ndrangheta in Lombardia. E’ quanto ha stabilito il gup di Milano, Andrea Salemme, che ha emesso anche altre 4 condanne fino a 10 anni e mezzo di reclusione, e ha applicato anche a 3 imputati, tra cui lo stesso Valle, la misura della liberta’ vigilata per 3 anni a pena scontata. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione per delinquere di stampo mafioso, usura ed estorsione.

Nel luglio del 2010, pochi giorni prima del maxi-blitz ‘Infinito’ contro la ‘ndrangheta con oltre 170 arresti in Lombardia, erano state eseguite le misure di custodia in carcere nei confronti degli affiliati alla cosca dei Valle che, attraverso estorsioni e usura, controllava il territorio dell’hinterland milanese. In quell’operazione era finito in carcere anche il ‘patriarca’ Francesco Valle, 73 anni. Per lui, che aveva costruito un vero e proprio bunker con telecamere nel suo ristorante ‘La Masseria’, e per altri e’ ancora in corso il processo con rito ordinario. Carmine Valle, invece, ha scelto l’abbreviato.

Difeso dall’avvocato Maria Teresa Zampogna, in un interrogatorio davanti al gup ha preso le distanze dalla sua famiglia e il pm Paolo Storari ha chiesto per lui 7 anni e 4 mesi con le attenuanti generiche, portando i verbali con le sue dichiarazioni come prova d’accusa nel processo ordinario. Il giudice, pero’, ha deciso di non concedere a nessuno degli imputati le attenuanti e ha condannato Valle a 9 anni, Bruno Saraceno a 10 anni e 6 mesi (7 anni e 4 mesi la richiesta del pm) e Matteo Fazzolari a 6 anni e 5 mesi (per lui il pm aveva chiesto 10 anni considerandolo inattendibile). Altri due imputati, Francesco Aloe e Francesco Resta, sono stati condannati a 2 anni e 5 mesi.9 anni

Rispondi