L’eroismo non russa, Kalamov passa

Siamo un paese che ha bisogno di eroi, Che ha paura delle debolezze e che deve essere sempre al passo con il quasi morto da proteggere o il neosimbolismo di sconosciuti fino ad un minuto prima di morire morti ammazzati. Così succede che ci lasciamo andare a metafisici editoriali su Minzolini o sul coraggio del cronista (mitomane) e intanto ci perdiamo l’ennesimo cadavere della Russia che non sopporta i giornalisti. Khadzimurav Kalamov diventerà conosciuto e degno di essere ricordato quando qualcuno ne finirà la scatola di icona. Intanto ce lo ricorda il misurato e quotidianamente presente Andrea Riscassi nel suo sito: uno che, mica per niente,  Politkovskaja la ricorda al di là delle emergenze e degli anniversari.

Rispondi