Appello per la cultura in Lombardia. Raccolta firme

Lombardia senza cultura. Lo dimostra la drammatica riduzione dei fondi da parte della Regione al settore culturale negli ultimi anni e la previsione per l’anno prossimo: dai 51 milioni di euro del 2010, si è passati infatti ai 25,7 milioni nel 2011, e ai 7,8 previsti per il 2012.

Una voce in particolare dà la misura del crollo dei sostegni, ed è quella relativa agli “interventi regionali per lo spettacolo”, passati dai 2,5 milioni del 2011 ai 167 mila euro per il 2012. Un calo drammatico per spese correnti e anche per gli investimenti.

Una caduta in picchiata clamorosa, che mette a rischio vere e proprie imprese che redistribuiscono a migliaia di lavoratori e alle loro famiglie tutto quello che ricevono, promuovendo cultura, strumento indispensabile per contribuire a diffondere e a far crescere tra i cittadini conoscenza, consapevolezza e capacità di osservazione critica del mondo che ci circonda, proprio come chiede la Costituzione della nostra Repubblica.

In un periodo di crisi drammatica in cui i tagli si abbattono su tutto, dai trasporti al lavoro alle famiglie, è indispensabile che tutti gli sforzi che si stanno promuovendo affinché le misure siano eque e sostenibili, vengano fatti anche per tutelare e anzi rilanciare il settore culturale. Anche in Lombardia.

Perché la cultura è indispensabile e va tutelata. Come ha detto il maestro Claudio Abbado: “La cultura è un bene primario come l’acqua; i teatri, le biblioteche e i cinema sono come tanti acquedotti”.

L’azzeramento dei fondi da parte di Regione Lombardia è quindi inaccettabile, e a questo punto ci chiediamo che senso abbia ancora un assessorato che non è in grado neanche di ottenere le risorse per permettere alle convenzioni con gli enti teatrali attualmente in corso di poter proseguire nei prossimi mesi. Come avviene per il settore socio sanitario, crediamo sia indispensabile anche per il settore culturale una programmazione di più ampio respiro.

Chiediamo a tutti di sostenere e rilanciare il più possibile questo appello, anzitutto alla giunta Formigoni, affinché vengano dati da subito i necessari sostegni e l’indispensabile programmazione al settore culturale lombardo.

Giulio Cavalli
Giuseppe Civati
Gabriele Sola

[emailpetition id=”3"] 

[s[signaturelist id=”3"]

 

16 commenti su “Appello per la cultura in Lombardia. Raccolta firme”

  1. Proposta:doniamo tutti una settimana di attività gratuita alle Biblioteche Comunali. Credo che sarebbe bene un coordinamento per impostare un minimo di progetto, destinatari e obiettivi.

  2. 167.000 € per lo spettacolo dal vivo corrisponde in Regione Lombardia a 0,01676 € per abitante. Supponendo, per la prosa PRIMARIA, un cachet medio di c.ca 10.000 € a spettacolo, con spettacoli di c.ca 90 minuti, questo significa che la regione Lombardia paga, ad ogni abitante, 0,00015 minuti di spettacolo. Praticamente un nanosecondo: l'equivalente temporale della statura culturale di questi (Bu)scemi.

  3. senza cultura non c'è crescita, non c'è speranza di uscire da una crisi, non c'è società.
    E' pazzesco come ancora non lo abbiano capito

  4. Ancora una volta…Italia NO COMMENT! NON è possibile, noi che siamo ancora qui e possiamo riuniamoci sotto qualsiasi forma e combattiamo questa ingiustizia, ma come si fa a mangiare?? Ma com'è possibile che nessuno si renda conto di quanto sia utile ridere, emozionarsi, riempire il cuore, i sensi e con questa chiudo. Basta!!!!!!!

Rispondi a Stefano Rizzinelli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.