Marcegaglia e le minacce di Natale

Ha detto ai dipendenti che decideranno di stare con la Fiom e si opporranno al salario di ingresso (cioè allo stipendio previsto per i nuovi assunti che – se venisse applicato- sarebbe inferiore rispetto a quello dei lavoratori in organico per parità di mansione) non ci saranno più assunzioni negli stabilimenti del gruppo. Ha detto anche che consiglia di stare con gli altri sindacati che hanno già dichiarato essere disponibili a sottoscrivere il salario di ingresso. Il presidente e fondatore del gruppo Marcegaglia ha trovato davvero un bel modo per augurare buon Natale ai dipendenti. Si è dimenticato pmaerò di dire che le assunzioni non ci saranno più non certo per colpa del salario di ingresso ma per la difficile situazione in cui si trovano molti stabilimenti del gruppo. Auguri in salsa Marcegaglia.

Rispondi