Ciau Cècu

Oggi é morto Cècu Ferrari, al secolo Antonio. Cècu mi ha insegnato che il professionista è chi professa i propri valori e il proprio credo sul palco. E con quelle sue mani da osteria lodigiana senza sofismi mi ha raccontato com’è bello e importante tenere la testa sulle spalle, appena chiuso il sipario. Se n’è andato sulla sua luna che amava tantissimo nelle parole masticate in lodigiano. Mi mancherà la tua straordinaria e poetica normalità, Cècu. Lodi oggi ha uno spicchio di cuore e di memoria in meno.

Un commento

  1. laura

    La memoria resta. La memoria, che sono parole, è concreta, e resta.

    Una préda
    rusegada.
    Una cuntrada
    spantegada
    de tüt.
    Una piassa
    piéna de gént
    che rid e che caragna.
    Un giardin
    sénsa fiuri,
    un camp de furmént
    cun tanti papàveri,
    un mund
    de fiulin.
    La lüna cui sò intrighi
    d'amur
    e de pagüre.
    E poeu
    la not,
    l'alba.
    E amò una muntagna
    v0lta, v0lta, v0lta,
    per respirà
    e guardà.
    Guarda e cunuss.

    Tüt quèst l'è un artista.

Rispondi