Sono tornato alla torre-faro al binario 21

ORA LA TRATTATIVA PARTA DAL RIPRISTINO DELL’INTERO SERVIZIO

“Questo pomeriggio siamo tornati in stazione Centrale, sotto la torre-faro del binario 21, per testimoniare fisicamente vicinanza a Oliviero, arrampicato lì da quasi due mesi, e a Stanislao, il collega ex-Wagon Lits che l’ha raggiunto ieri.

Non sono visite di cortesia, le nostre. Abbiamo aperto un canale di comunicazione diretta con loro e ci stiamo muovendo su tutti i livelli affinché si possa raggiungere al più presto una soluzione condivisa.

Siccome ora sembra che, nel giro di qualche giorno, si dovrebbe finalmente aprire il tavolo nazionale, chiediamo che in quella sede la trattativa parta da nulla di meno che il ripristino della situazione iniziale, con la riattivazione di tutte le tratte del servizio notturno.

Peraltro siamo molto preoccupati rispetto alla notizia che nel ricollocamento di alcuni dei lavoratori licenziati vi siano discriminazioni sulla base dell’orientamento politico-sindacale dei singoli, attraverso l’utilizzo di dati personali in palese violazione della legge sulla privacy.

La battaglia di Oliviero e dei suoi compagni è una battaglia di civiltà, per i diritti del lavoro certamente, ma anche per i diritti dei cittadini a una mobilità efficiente, in un Paese che non può ritrovarsi diviso nei collegamenti ferroviari.

Perciò continueremo a ripresentarci sotto la torre-faro, al loro fianco, finché la vicenda non arriverà a giusta conclusione. Sostenuti, in questo, anche dai vertici nazionali del partito e dallo stesso Nichi Vendola”.


Rispondi